Pasqua 2012: relax, cultura e gite al centro Italia

di Antonella Tramacere 1

Per la Pasqua 2012 potrebbe essere utile programmare una piccola vacanza o una gita che da una parte possa includere tutta la famiglia, dall’altra che possa non essere troppo dispendiosa.

Ieri abbiamo cercato di darvi dei consigli su dove passare i pochi giorni di ferie pasquali senza spendere troppo e senza tralasciare l’aspetto del rilassamento, nella natura, o della cultura. Abbiamo scorso pertanto alcune possibilità di gita in famiglia low-cost nelle regioni del sud e nel Lazio. Ricominciamo invece oggi dal centro Italia.

In Abruzzo ad esempio oltre al famosissimo Parco Nazionale, c’è il Borgo di Pescocostanzo, da molti elogiato come uno dei borghi più belli d’Italia, i vari Castelli Medievali (come quello di Rocca Scalegna o il Borgo dei Castelli) e per gli sportivi c’è anche il nuovissimo e attrezzatissimo Stadio Adriatico.

In Molise oltre ai vari Castelli d’Evoli, Pandone, Monforte, e ai Borghi Medievali pieni di negozietti e stradine deliziose dove fermarsi a pranzare nei ristorantini carni succulente e verdure di ogni tipo, c’è anche il famoso Caseificio Monforte, dedicato alla distribuzione di cibi di produzione propria e in particolare latticini. Infine il Lago del Liscione, dove sostare, bagnarsi e fare pic-nic.

In Sardegna, isola solitamente molto calda, si può sicuramente passare una vacanza più selvaggia, magari tra le Dune di Piscinas o alla Spiaggia di Chia, con una bella insalata di riso, le racchette e i giochi per intrattenersi, gli asciugami per prendere il primo sole primaverile e tanto relax. Alghero poi è meravigliosa da visitare, al limite tra il mediterraneo e l’esotico, con un meraviglioso centro storico e il lungomare. Inoltre da Alghero è facilmente raggiungibile la Grotta di Nettuno.

L’Umbria, si può intraprendere un vero e proprio percorso includendo le città di cui la regione è costellata: dalla meticcia Spoleto, tra influssi tardo romani e medievali, alla tradizione cristiana di Assisi, dalle vigne e i formaggi delle colline di Orvieto ai Castelli e alle campagne di Todi e Amelia. In quattro giorni si può passare un giorno in ognuna di queste piccole città e assaggiare specialità tradizionali negli agriturismi.

Nelle Marche non si possono invece ignorare le Grotte di Frasassi, meta turistica ambita in tutto il mondo per le sorprese che esse nascondono al loro interno. Il Borgo di Grottamare è pure una buona meta, si affaccia sul Mar Adriatico e da tradizione ospita buon pesce e buon prodotti agricoli.

Concludiamo oggi con la Toscana, ricchissima di città splendide e colme di arte, eventi e monumenti che sarebbe necessario un libro intero per scorrerli tutti, lasciando il Nord alla prossima puntata.

Per la nostra Pasqua 2012 possiamo consigliare i numerosi Parchi e Giardini Botanici toscani, ma anche gli accoglienti agriturismi che popolano tutto il territorio regionale, luoghi squisiti per pranzare con cibi caserecci e sani, godere della calma extra-cittadina e magari tornare a visitare nel pomeriggio Uffizi e Duomo, nella Firenze Rinascimentale o nella Siena.