Se la mamma si distrae durante il biberon, il bambino rischia di ingrassare

di Redazione Commenta

Accudire un bambino è la cosa più complessa che può accadere nella vita di una donna. È vero, è anche la più naturale e normale. Però, pensiamo a come sono cambiati i tempi. In passato la mamma era un po’ la fata del focolare. Si prendeva cura della casa, del marito e della prole. Non aveva altri compiti o desideri. Oggi, complice l’emancipazione, continua a svolgere questa attività in più lavora e si occupa anche di tutto il resta. Attenzione, in alcune famiglie i padri si fanno carico del 50 percento della fatica, ma sono rare.

allattamento biberon

Molto spesso il lavoro è precario o atipico e ciò vuol dire non avere permessi per la maternità o la malattia del bambino e dover allattare, pulire, cambiare il pannolino, mentre si parla al telefono e si inviano le mail. Tutto e bene non si riesce a fare e qualcuno ne fa le spese. Secondo due recenti studi, le madri che si lasciano distrarre da smartphone o dalla televisione mentre danno il biberon ai figli potrebbero essere responsabili di un loro aumento di peso. Si tratterebbe del cosiddetto “mindless feeding“, il “nutrire senza pensare“: la “trappola tecnologica”, come la chiamano gli studiosi, non permetterebbe loro di far attenzione alla quantità di latte davvero bevuta dai piccoli e del loro senso di sazietà.

Alcune donne si distraggono con la tv, altre invece hanno distrazioni più importanti, ovviamente. Il rischio è quello di far mangiare troppi i piccolini. I ricercatori della California Polytechnic University hanno chiesto a 41 donne cosa fossero solite fare durante il momento del biberon. L’83% delle intervistate ha ammesso di non resistere all’impulso di fare altro. Ovviamente questa tematica ha già scatenato numerose polemiche. Da un lato c’è chi colpevolizza le madri (o si sente colpevolizzato), dall’altro chi invece sostiene di aver semplicemente scoperto un vizio alla base dei problemi di peso di bimbi. Comunque sia la verità è una: le mamme lavorano sempre troppo.

 

Photo Credits | Shutterstock / runzelkorn