Luca, il film d’animazione Pixar che omaggia l’Italia

di Gio Tuzzi Commenta

Luca
Film per bambini e per tutta la famiglia

Luca, il nuovo lungometraggio firmato Pixar, è un mesh-up di stili e influenze cinematografiche: è un film che prende spunto da trame passate, da personaggi amati, da generi che si sono intrecciati per dare vita ad un nuovo ibrido filmico. Il regista Enrico Casarosa, italiano d’origine, firma questo lungometraggio, nel quale si incontrano due mondi, quello marino e quello terreno.

 

E’ la storia di Luca, un bambino di otto anni, che vive nella bella Riviera Ligure degli anni ’50. Con lui, l’amico Alberto, intraprendente e vivace: i due però, nascondono un segreto: i due non sono bambini normali, ma mostri marini. Hanno sempre rispettato le regole del mare, ma poi, spinti dalla curiosità, decidono di salire in superficie, dove assumono un aspetto tipicamente umanizzato. Luca è un bambino timido e intelligente, Alberto più spigliato e curioso: le due personalità si compensano. Il loro desiderio è quello di riuscire a comprare una vespa, dai due tanto desiderata da entrambi.

 

Durante la loro permanenza a Portorosso, i due, conoscono Giulia, una bambina figlia di un burbero pescatore: stringono amicizia, e insieme, decidono di partecipare alla gara di triathlon per riuscire ad aggiudicarsi il primo premio e guadagnare cosi abbastanza, da poter acquistare la tanto sognata Vespa. I due bambini però devono nascondere la loro reale identità ed evitare a tutti i costi il contatto con l’acqua, che li porterebbe ad assumere nuovamente le sembianze di mostri marini.

 

Il film rappresenta un vero e proprio omaggio al bel Paese, all’Italia bella, quella degli anni ’50, romantica e bellissima. I paesaggi mozzafiato della riviera ligure, il mare, il buon cibo, la musica, il sole, la bellezza di un posto che assomiglia ad un angolo di Paradiso, dove la gente è semplice e vive in modo semplice. E’ questo l’aspetto che viene evidenziato nel film, forse a discapito della trama stessa. Luca è un lungometraggio penalizzato dalla bellezza dei suoi paesaggi, che manca di inventiva, soprattutto dal punto di vista della trama. E’ questa la critica più ricorrente: il paesaggio appare come disegnato, perfetto nelle sue geometrie nelle sue bellezze, cosi come anche il mondi sottomarino, popolato da questi mostri che allevano pesci e alghe, ma il racconto in sé manca di qualcosa.

 

Il film è ora disponibile su Disney Plus, e non è stato proposto per le sale cinematografiche. In ogni caso, è un racconto di fantasia, che ricorda “Alla ricerca di Nemo”, “La Sirenetta” e diversi atri film che ricalcano temi come l’amicizia e l’avventura, ma ha comunque qualcosa di nuovo e interessante.