Peli, in gravidanza rallentano la crescita?

di Chiara R Commenta

La gravidanza, si sa, porta con se numerose modificazioni più o meno visibili che interessano l’organismo della futura mamma. Le alterazioni ormonali tipiche della gestazione che determinano la maggior parte dei cambiamenti influiscono anche sulla crescita dei peli. I peli, infatti, nascono dai follicoli piliferi e la loro crescita è influenzata dall’azione degli ormoni: il testosterone, in particolare, ne stimola la crescita mentre gli estrogeni la attenuano.

Nel corso dei nove mesi di gravidanza, la produzione di estrogeni aumenta notevolmente andando ad inibire l’azione degli ormoni maschili presenti nel corpo della donna. Tutto questo influisce sulla crescita dei peli che tende ad attenuarsi. In gravidanza, quindi, è facile notare un rallentamento della crescita dei peli superflui come quelli di braccia e  gambe. Questo non deve suscitare preoccupazioni perchè si tratta di una condizione assolutamente fisiologica che si risolverà spontaneamente dopo la gravidanza. Una diminuzione del ritmo di crescita dei peli, inoltre, può essere vista come un vantaggio per la futura mamma che potrà tranquillamente ridurre il numero degli interventi per eliminare la peluria in eccesso.

Per quanto riguarda la depilazione, bisogna ricordare che in gravidanza la pelle è più sensibile e delicata e quindi è opportuno scegliere accuratamente il metodo a cui ricorrere. Meglio evitare la cera a caldo e le strisce a strappo perchè potrebbero rompere i capillari che in gravidanza diventano più fragili. Consigliati, invece, il rasoio e le creme depilatorie.

E voi, ragazze in dolce attesa, come state messe e peli? Avete riscontrato questo rallentamento della crescita? Come l’avete vissuto? E quali metodi per la depilazione utilizzate in gravidanza?

 

Altri articoli sul tema che potrebbero interessarvi:

La depilazione in gravidanza

 

 

Photo Credits| ThinkStock