Gravidanza e abbronzatura, i consigli per proteggere la pelle e le creme permesse

di Mariposa Commenta

gravidanza abbronzatura
La gravidanza è un momento magico, rilassarsi in bikini per ore al sole è davvero sconsigliabile. Per quali motivi? Ci sono davvero tante ragioni perché il sole diretto non sia considerato salutare: gli sbalzi di pressione sono frequenti, i colpi di calore possono fare male alla mamma, bisogna evitare di disidratarsi e di esporre a troppo caldo il pancione e non è tutto. La pelle in gestazione è particolarmente delicata.

Se desiderate quindi prendere un po’ di sole, non dovete privarvi di questo piacere ma dovete osservare delle regole: esponetevi solo nei momenti più freschi della giornata, indossate un cappello, mettete tanta protezione solare e bagnatevi con frequenza, soprattutto le gambe al fine di mantenere la circolazione attiva. Siete in campagna e non c’è una piscina a disposizione? Procuratevi uno spruzzino con dell’acqua.

Evitate di prendere il sole in viso, perché durante la gravidanza è facile vedere comparire sul viso della macchie scure, il cloasma o maschera della gravidanza. Attenzione, probabilmente questo inestetismo comparirà a prescindere dall’abbronzatura, ma usare uno schermo totale (50 plus), indossare un bel cappello dovrebbe aiutarvi a fare in modo che le macchie non diventino troppo scure.

L’idratazione inoltre deve essere esterna con creme e prolungati bagni (che fanno benissimo), ma anche interno: mangiate tanta frutta e verdura e bevete molta acqua. Quali sono le creme adatte durante i nove mesi? Come detto deve essere 50 plus, deve contenere filtri Uva, Uvb e IR, che sono responsabili della vaso dilatazione. Mi raccomando poi scegliete prodotti ipoallergici, di qualità, anche se costano un pochino di più, senza profumazione e senza nickel.

Se non sapete quale scegliere, il consiglio è di affidarvi ai solari per i neonati: ci sono delle linee specifiche e dedicate di ottima qualità e se proteggono la pelle dei bimbi, che è chiarissima e probabilmente alla prima esposizione, sarà in grado di proteggere sicuramente anche la vostra.

Photo Credit | Thinkstock