Farmaci pediatrici, quali è consigliabile tenere in casa

di Redazione Commenta

Quando ci sono bambini in casa è opportuno avere sempre a disposizione una piccola scorta di farmaci; nulla di particolare, solo l’indispensabile per non ritrovarsi costretti a vagare in piena notte per la città alla ricerca di una farmacia di turno.

Vediamo di quali si tratta:

Paracetamolo

I farmaci aventi come principio attivo paracetamolo sono indispensabili in caso di febbre alta. Quelli adatti ai bambini di solito vengono commercializzati sotto forma  di suppostine, gocce o sciroppo. Personalmente preferisco tenere in casa le suppostine perchè mio figlio ha sempre mostrato uno strenuo rifiuto per le gocce e poi quando ha la febbre tende a vomitare molto facilmente. La dose va stabilita in base al peso del bambino. Ai neonati più piccoli di tre mesi vanno somministrati solo dopo aver sentito il pediatra.

Ibuprofene

I farmaci a base di ibuprofene sono disponibili sotto forma di sciroppo e possono essere somministrati al piccolo quando il paracetamolo non si è mostrato abbastanza efficace. Per il dosaggio giusto chiedere al pediatra.

Crema all’idrocortisone

La crema all’idrocortisone serve in caso di punture di insetti che abbiamo causato la comparsa di un pomfo rosso prurigginoso. Ne basta un pizzico da applicare una o due volte al giorno per due giorni.

Supposte di glicerina

Le suppostine di glicerina possono essere utili in caso di stitichezza (se il bambino non va di corpo per tre o quattro giorni di seguito). Se non risultano efficaci e il problema persiste è opportuno consultare il pediatra.

Acqua ossigenata

Dopo aver pulito le ferite superficiali con acqua e sapone è opportuno disinfettarle con acqua ossigenata a dodici volumi. Può servire anche in caso di piccoli sanguinamenti dal naso e i bambini non ne sono infastiditi perchè non brucia.

Cerotti

Con i bambini la possibilità di qualche piccolo incidente è sempre in agguato, non dimentichiamo quindi i cerottini.