Diabete di tipo 2 in aumento nei bambini: le nuove linee guida americane

di Mariposa 1

Gli ultimi dati americani sull’obesità infantile sono stati molto positivi, perché hanno dimostrato un calo, il primo dopo anni. Resta però alto il dilagare del diabete di tipo 2 anche tra i bambini. Questa malattia di solito è tipica degli adulti e compare a seguito di uno stile di vita errato e di un’alimentazione completamente squilibrata.

Il diabete di tipo 2 è una malattia metabolica caratterizzata da glicemia alta e insulino-resistenza e non dipende da fattori genetici. Abbiamo iniziato parlando degli Usa, perché da sempre sono considerati il Paese più “grasso”, ma ricordiamoci che l’Europa non è da meno. In prima linea c’è la Gran Bretagna, seguita da Francia, Spagna e Italia, più o meno alla pari. Per questo motivo, è molto importante che il Vecchio Continente apra bene le orecchie e faccia sue le linee guida americane, che sono le prime in assoluto su questo tema.

Da chi sono state redatte? Hanno firmato il documento l’American Academy of Pediatrics, l’American Diabetes Association, la Pediatric Endocrine Society, l’American Academy of Family Phisicians e l’Academy of Nutrition and Dietetics. La terapia consiglia per affrontare questa forma di diabete è la seguente:

  1. Azione informativa ed educativa delle nuove generazione e dei bambini. Correggere gli errori alimentari e incentivare al movimento può essere l’unico modo per prevenire l’insorgere del diabete di tipo 2.
  2. Insulina per le diagnosi di diabete di tipo 1 e tipo 2; quando il piccolo paziente ha dei valori di glicemia altissimi o quando il paziente si presenta in chetoacidosi.
  3. Metformina, un farmaco di prima scelta prescritto insieme a un programma di cambiamento radicale dello stile di vita.

L’idea di curare i bambini farmacologicamente spaventa e fa paura soprattutto l’idea che possano essere dipendenti da un farmaco. Purtroppo è bene correre ai ripari, perché i dati del Ministero della Salute (su 42mila bambini di terza elementare) dimostrano che il 23 percento dei piccoli è in sovrappeso, l’11 percento è obeso. Inoltre, hanno abitudini alimentari errate: il 9 percento salta la colazione, il 25 percento dei bimbi non mangia frutta e verdura tutti i giorni, la metà beve bibite gassate e zuccherate e il 20 percento non pratica sport.

 

Photo Credit | ThinkStock

[Fonte]