Il diabete gestazionale si previene con un po’ di sport

di Redazione Commenta

Il diabete gestazionale è sicuramente uno dei disturbi che maggiormente mette ansia alle mamme in attesa. Come si può prevenire? Non solo la dieta è importante, ma anche praticare una moderata attività fisica. Ciò significa mettersi al riparo dalla malattia e dalle sue conseguenze, come ipertensione, preeclampsia, nascita pretermine e necessità di ricorrere al cesareo.

sport-gravidanza

Questo è quanto è emerso da una revisione della letteratura sull’argomento che ha preso in considerazione oltre 2800 donne in gravidanza sedentarie e coinvolte in programmi di esercizio fisico. L’attività fisica riduce il rischio di diabete del 30% e addirittura del 36% se l’attività fisica viene svolta fin dal momento del concepimento.

Non è tutto, perché fare ginnastica vuol dire tenersi in forma. Dallo studio si è potuto notare che l’aumento di peso delle donne reclutate nei programmi di ginnastica era in media inferiore di un chilo rispetto alle altre. Cosa molto importante non solo per il diabete. Gli effetti, inoltre, erano maggiori quando il programma era completo e prevedeva l’alternanza di esercizi di tonificazione, potenziamento, flessibilità e resistenza.

Care mamme, quindi se la vostra è una gravidanza fisiologica, fate sport. E poi un consiglio ai ginecologi: l’esercizio andrebbe consigliato per i suoi benefici effetti a tutte le donne, anche a coloro che hanno sempre condotto una vita sedentaria. Gema Sanabria- Martinez dell’ospedale Virgen de la Luz di Cuenca in Spagna, che ha firmato lo studio, ha commentato:

Non bisogna temere l’attività fisica in gravidanza. Si è visto che un livello moderato di esercizio, oltre ad essere sicuro per mamma e bambino, ha avuto effetti significativamente positivi sulla salute delle donne.

Consideriamo inoltre che la ginnastica nei 9 mesi ha diversi effetti positivi: riduce il mal di schiena, migliora l’umore e regala energie in più, aiuta a dormire meglio, previene l’eccessivo aumento di peso e aumenta la forza muscolare.

 

Photo Credits | Shutterstock / VGstockstudio