Colore degli occhi di un neonato, quando si definisce?

di Redazione Commenta

INon appena nato il bambino, dopo avere accertato sia sano, la prima curiosità (oltre la classica domanda “A chi assomiglia?”) riguarda il colore i suoi occhi: di che colore saranno? In realtà non si può dire con certezza, almeno non fino al compimento del primo anno di età. Già, perchè alla nascita gli occhi del bambino non sono ancora del tutto sviluppati, anzi, si può affermare che ancora dopo qualche settimana dal parto, la sua vista risulti parecchio sfocata.

Colore degli occhi di un neonato, quando si definisce?

Anche per quanto riguarda il colore degli occhi definitivo bisognerà aspettare perchè questo dipende dalla quantità di melanina presente nell’iride, alla quale si deve il fatto che gli occhi siano azzurri piuttosto che marroni. Ciò spiega come mai, nella stragrande maggioranza dei neonati, il colore degli occhi sia inizialmete ceruleo grigiastro. Come ben sappiamo, infatti, i melanociti (che stanno alla base della produzione della melanina), si attivano solo in presenza della luce, ed all’interno del pancione della mamma, dove il bimbo ha “vissuto” per ben 9 mesi, non sono presenti le condizioni ideali. Non solo, i melanociti svolgono il loro lavoro per circa un anno, ecco perchè solo giunti a tale momento sarà possibile definire con certezza quale sia il colore degli occhi del bambino.

Anche se il colore degli occhi è dovuto a questioni di natura genetica, ovvero al patrimonio arrivato al piccolo e frutto delle generazioni precedenti, non è così scontato che dei genitori con gli occhi azzurri diano alla luce un bimbo con gli occhi di tale colore, nonostante le alte probabilità. In definitiva, dunque, non date per scontato che se alla nascita il vostro bimbo sia nato con degli occhi cerulei li manterrà definitivamente: per poterlo dire aspettate almeno il suo primo compleanno!

Leggete anche “Gli occhi arrossati nei bambini, le possibili cause“, “Gli occhi dei bambini, piccolo pronto intervento domestico” e “Salute degli occhi dei bambini, i campanelli di allarme“.