Bambini in spiaggia, gli alimenti sì e gli alimenti no

di Emma Commenta

È ancora estate, è anche tempo di vacanze ed è ancora il momento di godersi le spiagge e il mare: ma che cosa devono mangiare i bambini sotto l’ombrellone? Non lasciatevi ingannare: meglio chiaramente una merenda sana che qualcosa di grasso e di ipercalorico. Traducendo: meglio la frutta che biscotti e merendine sotto l’ombrellone. Vediamo il decalogo tutto da rispettare anche sotto l’ombrellone vedendo quello che viene consigliato o sconsigliato ai bambini. Colpi calore bambini come prevenirli

Acqua: imprescindibile avere l’acqua in spiaggia. E in quantità: per renderla ancora più dissetante, potrete aggiungere del succo di mezzo di limone all’acqua visto che i sali minerali reintegrano quelli persi con il sudore. 

: meglio evitare quelli confezionati, troppo ricchi di zucchero e di calorie. Meglio puntare sul tè naturale con lo zucchero e tanto succo di limone e in alternativa puntare sul thè verde ricchissimo di antiossidanti.

Bevande zuccherate: decisamente sconsigliate le bibite zuccherate che apparentemente sembrano dissetare di più. Non è assolutamente vero quindi meglio proprio non portarsi dietro le bibite zuccherate e gassate.

Succhi di frutta: possono essere uno spuntino invitante in giornate particolari come quelle trascorse al mare, ma non rappresentano un sostituto della frutta perché sono poco dissetanti e troppo zuccherati.

CANI E BAMBINI IN SPIAGGIA, I CONSIGLI DEL PEDIATRA

Frutta: decisamente sì. È perfetta come spuntino, a fine pasto: dalle pesche alle albicocche al melone all’anguria alle prugne ai fichi. Ricca di acqua, vitamine, minerali, fibra e fitonutrienti non ha controindicazioni.

Pranzo: non appesantite neppure i bambini. Meglio evitare le paste troppo ricche o i timballi. Meglio un panino fresco e non condito farcito con la verdura, il prosciutto o la mozzarella.

Riso: ottimo e digeribile può essere condito con molte verdure diverse per renderlo particolarmente ricco.

Verdure: sì alle verdure, ma scegliete la comodità. Perfetti i cetrioli o i cocomeri, che possono essere sbucciati sul momento, sono ricchi di acqua e di potassio con pochissime calorie e sono ottimi anche come spuntini.

Secondi: se l’insalata di riso o di pasta è stata arricchita con il tonno, il prosciutto, o il formaggio, avete preparato dei piatti unici dove i carboidrati si arricchiscono con le proteine per cui meglio evitare un secondo. Sconsigliata la carne impanata fritta e le frittate.

 

photo credits | thinkstock