Bambini a rischio obesità con i dolci dopo pasto

di Redazione Commenta

Come mangiano i vostri bambini? Ci sono piccoli che mangiano di tutto e piccoli che fanno un sacco di storie. Una cosa è sicura, la maggior parte alle verdure preferisce un dolcetto e molti genitori pur di fargli mangiare qualche verdura in più sono disposti anche a concedere qualche dolcetto fuori programma. Siete tra questi?

bambini-dolci

Non è tutto, perché un’altra abitudine è quella assecondare i gusti dei piccoli per la gioia di vederlo mangiare con gusto. È un classico soprattutto dei nonni. Non a caso alcune ricerche hanno dimostrato che i bimbi che vanno all’asilo o mangiano in mensa a scuola sono più magri di quelli che stanno a casa con i nonni.

Le tentazioni dolci dopo i pasti, più che quelle salate, possono essere dannose per la salute dei bimbi nei primi anni di vita. Li mettono infatti a serio rischio di un aumento di peso nel tempo. Lo dimostra una ricerca dell’Università del Michigan, pubblicata sul numero di maggio della rivista Pediatrics.

Per lo studio i ricercatori hanno chiesto a 209 mamme di famiglie a basso reddito di far digiunare i bambini per un’ora, dando poi loro un pranzo sostanzioso. Al termine del pasto sono stati presentati ai piccoli un vassoio con dei dolci, tra i quali i biscotti al cioccolato, e anche degli snack salati, come le patatine, lasciandoli liberi di servirsi. I bimbi tra uno e tre anni che hanno mangiato più dolci e che quando il cibo è stato rimosso sono apparsi più contrariati e hanno sperimentato un graduale aumento del grasso corporeo a partire dai 33 mesi, mentre così non è stato per coloro che avevano invece optato per gli snack salati.

Che cosa ci dice tutto questo? I nostri bambini sono ipernutriti. Cerchiamo quindi di non lasciarci convincere da capricci e occhioni famelici.

Photo Credits | Shutterstock / Brainsil