Asilo comunale, ecco i costi di quelli italiani

di Redazione Commenta

L’asilo rappresenta per molti genitori che lavorano, specie quelli che non possano contare sui nonni o su altri parenti disposti ad aiutarli, un’indispensabile ancora di salvezza. Una recente indagine condotta dalla Uil relativamente alle 21 città capoluogo di regione e relativa all’anno scolastico in corso, quello 2015/2016 ne ha evidenziato i costi. Dai dati emersi si è registrato un incremento del 2,4 % in più rispetto a tre anni fa. Il costo dell’asilo comunale si aggira, in media, sui 250 euro al mese, una spesa non proprio indifferente che in qualche modo va a gravare sul bilancio di una famiglia con dei bambini piccoli.

Asilo comunale, ecco i costi di quelli italiani

La ricerca è stata condotta su un campione di famiglie con uno stipendio annuo di circa 40.000, dotate di una abitazione di proprietà composte da due lavoratori dipendenti e con due figli a carico. In quanto alle mense scolastiche, per queste ultime ogni famiglia spenderebbe in media 77 euro al mese. Ad avere la possibilità di frequentare un asilo comunale sono pochi i bambini: se ne registrano 13 su 100 nella fascia di età compresa tra gli 0 ed i 3 anni.

Ma i costi si rivelano essere piuttosto diversificati passando da Nord a Sud. La città di Torino sarebbe la più cara in tal senso: gli asili della città graverebbero sul bilancio familiare per 480 euro mensili, con un aumento registrato del del 6% rispetto all’anno scolastico 2012-2013. Segue Aosta con 473 euro, Trieste con 417 euro. Quelle meno care sarebbero, invece, la città di Catanzaro dove mandare i propri figli all’asilo costa ad ogni famiglia, in media, 155 euro mensili. Ancora, le famiglie romane spenderebbero per l’asilo 210 euro, a Cagliari 224 euro, a Bari 228 euro, ed a Campobasso 236 euro.

Per approfondimenti leggete anche I costi del bambino nel primo anno, Accesso all’asilo nido sempre più complicato e più caro: nuova indagine Cittadinanzattiva e Asili Nido, rapporto Istat sulla situazione in Italia.

Photo Credit | Thinkstock