Allattare fa calare la vista, vero o falso?

di Redazione Commenta

Mentre gli unici dati certi sembrano riguardare i benefici sulla salute e sullo sviluppo psico-fisico del bambino, sulle implicazioni dell’allattamento al seno per la slaute della mamme spesso sentiamo dire tutto e il contrario di tutto. Peccato però che le notizie riportate di bocca in bocca da vicini, conoscenti, amici e parenti non sempre sono veritiere e, per di più, non mancano di generare ansie delle quali qualunque donna, in un momento tanto delicato della propria vita quale la nascita di un figlio, farebbe volentieri a meno.

Solo per fare un esempio, secondo una credenza popolare abbastanza diffusa allattare al seno causa un abbassamento della vista.  Non che io abbia mai conosciuto o avuto notizia di neo mamme che hanno rinunciato all’allattamento materno per questo motivo ma si capisce bene come une diceria di questo tipo possa instillare dubbi, incertezze e paure nelle future mamme gettando un’ombra sulla serenità loro e del piccolo, tanto più che, come abbiamo detto più volte, di allattamento nel nostro Paese si parla tanto ma si sa poco.

E’ importante quindi che si sappia che si tratta esclusivamente di una chiacchera, una credenza popolare appunto, del tutto infondata che non ha alcun riscontro nella realtà. Dato ancora più importante: questo vale anche per le donne che hanno sempre avuto problemi di vista come la miopia. Solo in casi rarissimi, infatti, nelle donne che allattano il proprio bambino al seno può verificarsi un abbassamento della capacità visiva che comunque è temporaneo e si risolve completamente con il tempo.

Solo se si è già affette da patologie a carico della retina, per restare nell’ambito della salute degli occhi, sarà opportuno chiedere il parere di uno specialista ma va da sè che si tratta di una utile precauzione e non di un dictat.

[Fonte]

Photo credit | Think Stock