Acido folico e vitamina B12 in gravidanza riducono il rischio di difetti del tubo neurale

di Mildred 5

Sapevamo già che l’assunzione di acido folico, conosciuto anche come vitamina B9, durante la gravidanza, anzi già prima del concepimento, riduce il rischio di difetti congeniti alla nascita come spina bifida e idrocefalo. Oggi, uno studio condotto dal professor John Scott, fondatore presso il Trinity College di Dublino dell’Unità di Ricerca Vitamina dell’Istituto di Medicina Molecolare, dimostra che se assunto insieme alla vitamina B12, o cobalamina, l’acido folico potenzia la propria efficacia e la estende alla prevenzione di altre patologie a carico di colonna vertebrale e sistema nervoso centrale.

Attualmente alle donne che aspettano un figlio o che intendono concepire è consigliata l’assunzione di 400 mcg di acido folico al giorno. Alla luce di questo nuovo studio ad essi andrebbero aggiunti 2.5 mcg di vitamina B12 per ottenere un’ulteriore riduzione del rischio di difetti del tubo neurale nel neonato dal momento che la vitamina B12 favorisce l’assorbimento dell’acido folico.

E’ dimostrato anche che un basso livello di folati e vitamina B12 triplica il rischio che il bambini nasca affetto da questo tipo di malformazioni congenite. L’acido folico e la vitamina B12 possono essere assunti sia attraverso la dieta, cibandosi di quesgli alimenti che ne sono ricchi, sia attraverso l’assunzione di integratori specifici.

Ecco un breve elenco di alimenti ricchi di folati e vitamina B12:

Alimenti ricchi di acido folico:

verdure a foglia verde

legumi

lievito

latte

cereali

Alimenti ricchi di vitamina B12

fegato

aringhe

sardine

sgombro

pollo

tonno

uova di anatra

[Fonte]

Photo credit | Think Stock