La guida della gravidanza: 18esima settimana

di Redazione 3

18settimane-itaLA DICIOTTESIMA SETTIMANA DI GRAVIDANZA

È un momento ricchissimo di emozioni. La tua pancia cresce, il corpo si modifica ed il tuo orgoglio di futura mamma è sempre più evidente. Nella tua coppia si parla sempre più spesso di questo figlio che sta per nascere, della volontà di diventare famiglia restando coppia.

Le paure non sono altro che il riflesso di insicurezze tipiche della gravidanza. Parlarne in due vi aiuterà a non sentirti sola e sarà utile esprimere paure e domande al tuo ginecologo, magari appuntandole via via in un foglietto per evitare che al momento della visita restino domande non espresse.

  • LA MAMMA

ZZ3AD993ADIl tuo utero è approssimativamente della grandezza di un melone in questo periodo. Sentirai sempre di più la necessità di andare di frequente al bagno, perciò abituati ad andare prima di metterti a letto in modo da non doverti alzare durante il sonno. Cerca di evitare di stare sdraiata sulla schiena da questo momento della gravidanza in poi, dato che l’utero può comprimere una vena importante, chiamata vena cava inferiore, che porta il sangue dalla parte bassa del tuo corpo fino al cuore. Stare su un fianco o cambiare spesso posizione, aiuta ad evitare questa compressione e migliora il tuo flusso sanguigno.

Durante la diciottessima settimana, il tuo sistema cardiocircolatorio sta subendo grandi cambiamenti e potresti avere dei cali di pressione. Alzarsi improvvisamente potrebbe causarti un capogiro a causa della lenta reazione del sistema cardiovascolare. Il progesterone continua nella sua funzione di rilassante della muscolatura e tu potresti accusare di problemi di digestione, di stitichezza o di emorroidi. I problemi digestivi possono portare a bruciori di stomaco e in alcune donne anche a mal di testa occasionali.

  • IL BAMBINO

ZZ0244E7AFAlla diciottesima settimana, la lunghezza del tuo bambino è di circa 12-14 cm e il peso di circa 150-200 g. Lui sta continuando a sviluppare lo strato adiposo sottocutaneo, anche se in questa settimana la sua crescita rallenta un po’. Nel tuo utero c’è davvero molto spazio e il tuo piccolo si diverte a fare capriole ed evoluzioni, può succhiarsi il dito e sedersi a gambe incrociate.

In questo periodo il tuo cucciolo diventa più sensibile ai suoni, dato che le ossa che trasmettono il suono all’orecchio interno si induriscono. La parte del cervello che invia e riceve i segnali nervosi dalle orecchie si sta sviluppando e il bimbo potrebbe reagire ai suoni molto forti con calci o puntando la pancia. Allo stesso modo si abituerà ai suoni familiari come il battito del tuo cuore, voci familiari nei dintorni, altri suoni quotidiani tipici. Uno strato protettivo chiamato mielina inizia a formarsi intorno ai nervi, processo che continuerà per un anno dopo la nascita. Se aspetti una bimba, il suo utero e le sue tube di falloppio si sono già formate e si trovano già al loro posto.

  • L’AGENDA  DEGLI ESAMI

ZZ0C4CC3D5Entro la diciottesima settimana di gravidanza devi eseguire la seconda serie di esami che il tuo ginecologo ti ha prescritto, esami che di solito sono: emocromo, esame urine e urinocoltura, tampone vaginale per ricerca Streptococco B, Candida, Chlamydia, Mycoplasma, test di Coombs indiretto (se RH negativo), IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, controllo pressione arteriosa e peso corporeo.

Questa è l’ultima settimana inoltre potrai effettuare l’amniocentesi, un esame invasivo che consiste nel prelievo di una piccola quantità di liquido amniotico per individuare alcune anomalie cromosomiche che portano a malattie genetiche come la Sindrome di down o la Fibrosi cistica. Questo test è consigliato in linea generale alle donne con età superiore ai 35 anni, con malattie genetiche in famiglia o con primo figlio affetto da malattia genetica. L’amniocentesi presenta un rischio d’aborto dello 0,5%.

[Se oltre alla DICIOTTESIMA SETTIMANA DI GRAVIDANZA, sei interessata anche al resto, consulta il calendario complessivo delle settimane di gravidanza, per scoprire come cambia il tuo corpo e seguire l’evoluzione del tuo bambino]