Varicella in gravidanza, quando è davvero pericolosa?

 
Mariposa
22 maggio 2012
Commenta

Se c’è una malattia molto temuta dalle mamme è la varicella. È tipica dell’infanzia, ma non risparmia le persone neanche in età adulta, e durante la gravidanza può risultare pericolosa per il bimbo. È importante quindi, se state cercando di restare incinta, prima di tutto verificare con degli esami se avete avuto questo virus in passato oppure no.

Se siete già incinte, è bene cercare di evitare qualsiasi contagio. In che modo? Se insegnate a scuola, per esempio, state a casa preventivamente in caso di epidemia ed evitate il contatto con bambini malati. Se invece non c’è ancora un pupo nell’aria, potreste pensare al vaccino, unico strumento preventivo davvero valido. Prendere la varicella in gravidanza non è una cosa comune, ma non è neanche così rara. Le statistiche sostengono che possa capitare a 1 donna su 10 mila, per un totale nel nostro Paese di circa 50 casi l’anno, come racconta l’Istituto Superiore di Sanità.

La varicella è pericolosa in tre momenti particolari della gravidanza: nel primo trimestre e pochi giorni prima e dopo il parto. Un’infezione nei primi tre mesi può provocare malformazioni al feto (dall’atrofia muscolare a lesioni cerebrali). Questa sindrome è detta comunemente Sindrome da Varicella congenita e purtroppo tocca più del 7 percento dei piccoli infettati. Se la mamma si ammala, invece, nel secondo o nel terzo trimestre i rischi sono decisamente inferiori: la mamma deve stare serena perché proteggerà il feto con i suoi anticorpi e i medici monitoreranno che tutto proceda nel migliore dei modi.

Può nuovamente diventare pericoloso il virus a ridosso del parto, perché il bambino rischia di ammalarsi (in alcuni casi la varicella si manifesta dopo la nascita per via del periodo d’incubazione) e dover lottare contro una malattia abbastanza aggressiva. Ai piccoli (ma anche alle madri), per proteggerli, vengono spesso somministrate immunoglobuline specifiche, altrimenti se c’è il sospetto che la mamma sia stata contagiata prima del parto è facile che i medici decidano di far partorire la donna, prima che la malattia si manifesti.

Photo Credits| ThinkStock

Articoli Correlati
YARPP
Come distinguere morbillo, rosolia e varicella

Come distinguere morbillo, rosolia e varicella

Il bambino appare abbattuto e febricitante e il suo corpicino è cosparso di macchie rossastre. E’ probabile che una malattia esantematica abbia fatto la propria comparsa. Ma di quale potrebbe […]

Varicella: boom in Italia con 180 mila bambini affetti

Varicella: boom in Italia con 180 mila bambini affetti

Sono ben 180 mila i bambini affetti, attualmente in Italia, dal virus della varicella. A lanciare l’allarme è Italo Farnetani, pediatra e docente a contratto all’Università di Milano-Bicocca. La varicella […]

Con la varicella è giusto dare l’antivirale?

Con la varicella è giusto dare l’antivirale?

Ciao mamme, visto oggi vi scrivo dalla mia trasferta estiva dove sono sbarcata ieri con valigie e valigiette e con tutte le più buone intenzioni, peccato non aver fatto i […]

La varicella in gravidanza

La varicella in gravidanza

La varicella interessa di solito i bambini fra i 5 e i 10 anni di età ed è piuttosto infrequente che si verifichi negli adulti; tuttavia può accadere e se […]

Malattie esantematiche, varicella e morbillo

Malattie esantematiche, varicella e morbillo

Dopo avervi descritto la Quinta e Sesta malattia, vediamo oggi ancora due delle malattie esantematiche che colpiscono più comunemente i bambini: Varicella e Morbillo. Si tratta però di patologie contro […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento