Gravidanza, quando può essere definita a rischio

 
Mildred
12 febbraio 2010
2 commenti

gravidanza a rischio

Una gravidanza viene definita a rischio quando sono presenti delle condizioni che potrebbero compromettere la salute del bambino o della futura madre; tali condizioni possono essere legate sia a problemi dell’apparato genitale presenti prima della gravidanza quali stenosi pelvica, cistoma ovarico, malformazioni uterine e infezioni genitali, sia a precedenti episodi di aborto o parti prematuri cui si aggiungono, quali fattori di rischio, l’età ella donna, inferiore a 17 anni e maggiore dei 35, malattie ereditarie, autoimmuni o infettive, obesità, diabete, cardiopatia, ipertensione, deficit nella nutrizione, o epatite.

In alcuni casi però il rischio insorge mentre la gravidanza è in corso ed è definito sia da malformazioni del feto, problemi della placenta (previa o insufficienza placentare), incontinenza cervico-istimica (il collo dell’utero si dilata precocemente), ipossia del feto (carenza di ossigeno nel sangue), che da condizioni quali gestosi, minacce d’aborto,   gravidanza protratta, assunzione di droghe, alcool e fumo ed esposizione ad agenti nocivi.

Per questo motivo, per valutare l’eventuale gravidanza a rischio si procede ad un’anamnesi familiare e personale, tenuto conto dell’età della donna e delle precedenti gravidanze nonchè dell’eventuale presenza di malattie ereditarie o meno, e alla valutazione dello stato di salute dell’apparato genitale. Se la gravidanza è ritenuta a rischio, l’intervento del medico sarà calibrato in funzione del grado di gravità di questo: se il rischio non è elevato procederà periodicamente ai normali controlli del caso, diversamente il medico potrebbe predisporre il ricovero della futura mamma per il monitoraggio costante della gestazione.

In ogni caso, è di fondamentale importanza che la mamma che presenta una gravidanza a rischio resti serena e si affidi con fiducia al proprio ginecologo. Inoltre se si è a conoscenza di qualche fattore di rischio pre-esistente che possa far temere per il felice compimento di una eventuale gravidanza, è meglio parlarne con il medico ancor prima di pianificarla perchè consigli tutti gli accertamenti necessari.

Articoli Correlati
YARPP
Gravidanza a rischio: le nuove regole per l’astensione anticipata dal lavoro

Gravidanza a rischio: le nuove regole per l’astensione anticipata dal lavoro

Lavorare e sopportare il peso di una gravidanza a rischio è davvero un grave problema per molte donne, costrette a stare casa dall’ufficio prima della fine del settimo mese. È […]

Primo sì alla pillola dei 5 giorni dopo, ma la gravidanza non deve essere accertata

Primo sì alla pillola dei 5 giorni dopo, ma la gravidanza non deve essere accertata

Abbiamo presentato ormai molto tempo fa la pillola dei 5 giorni dopo, ovvero quel farmaco che può essere preso fino a cinque giorni dopo aver avuto un rapporto non coperto […]

Bambini a rischio allergia se la mamma mangia noccioline in gravidanza?

Bambini a rischio allergia se la mamma mangia noccioline in gravidanza?

Mangiare arachidi in gravidanza espone i piccoli al rischio di future allergie? Sembrerebbe di si, anche se i risultati dello studio che ha condotto a questa scoperta devono ancora essere […]

L’ecocardiografia fetale, quando è necessaria

L’ecocardiografia fetale, quando è necessaria

Durante la gravidanza ci sono alcuni esami da eseguire per monitorare il feto che non sono di routine ma che vengono prescritti nel caso in cui ci siano delle particolari […]

Cerchiaggio in gravidanza: quando farlo e perchè

Cerchiaggio in gravidanza: quando farlo e perchè

Il cerchiaggio è un lieve intervento chirurgico che si effettua se, durante la gravidanza, ci sono segnali di incontinenza cervicale, ovvero se il collo dell’utero inizia a dilatarsi troppo in […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1daniela

    la mia prossima gravidanza sarà ritenuta a rischio se quella precedente si e conclusa con una morte intrauterina del feto alla 24 settimana di gestazione per dismetabolismo materno grazie

    12 apr 2011, 19:14 Rispondi|Quota
    • #2Mildred

      Ciao Daniela, ti consiglio di chiedere al tuo ginecologo per toglierti ogni dubbio. Tanti in bocca al lupo!

      13 apr 2011, 15:04 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. La moda delle primipare attempate è pericolosa per le mamme e i bambini | Tutto Mamma