Stitichezza in gravidanza, cosa prendere?

di Redazione Commenta

Stitichezza in gravidanza, cosa prendere

Circa il 90 % delle donne, durante la dolce attesa, soffre di intestino pigro e conseguentemnete di stitichezza. Nonostante potrebbe non sembrare nulla di grave, chi abbia a che vedere con tale disturbo sa bene quanto possa rendere la vita difficile in genere, pensate  nel momento in cui vada a sommarsi agli altri piccoli o grandi problemi legati alla gravidanza. Il mal di pancia ad esso legato, unitamente alla difficoltà nell’andare di corpo non rendono di certo piacevoli le giornate delle future mamme. Ma come ovviare al problema? Cosa prendere per arginare la situazione?

La stitichezza durante i 9 mesi di attesa è dovuta principalmente all’aumento di alcuni ormoni, come il progesterone. Questi, oltre a svolgere un’azione di sostegno nei confronti della gravidanza creano di contro alcuni effetti collaterali come ad esempio il fatto di rallentare i movimenti peristaltici, ossia quelli che favoriscono l’evacuazione. Uno dei primi e più elementari accorgimenti sta nel curare al masimo la propria alimentazione, predilegendo frutta e verdura fresche, che grazie alle fibre in esse contenute riescono a facilitare e velocizzare il transito del cibo. Da non dimenticare anche il consumo di alimenti ricchi di fibre come i cereali integrali e i legumi.

Oltre questo si consiglia di bere molta acqua, o in alternativa delle tisane vegetali adatte allo scopo. Nel caso in cui i disturbi siano piuttosto persistenti si potrebbe ricorrere al consumo di 2-3 prugne secche, note per la loro funzione lassativa naturale, o ancora a degli yogurt contenenti fermenti lattici vivi. L’utilizzo dei lassativi infine, deve essere strettamente monitorato dal proprio medico: questi ultimi, infatti, oltre a creare assuefazione non risolvono in genere il problema in maniera definitiva, oltre a, in alcuni casi, potere diventare pericolosi per l’andamento dela gravidanza.

Photo Credit | Thinkstock