Raffreddore allergico nei bambini, come riconoscerlo

di Redazione Commenta

Allergia bambini

 

La primavera è senza dubbio una delle stagioni più aspettate. Porta con se temperature miti, giornate lunghe e soleggiate ma purtroppo anche l’arrivo delle allergie. Chi ne soffra sa bene come possano risultare fastidiosi i sintomi ad essa legati: continui starnuti, naso che cola o ancora occhi arrossati o che continuano a lacrimare senza sosta. Non sempre risulta agevole la distinzione tra il semplice raffreddore e quello allergico. In particolare, ben 20 bambini su 100 soffrono di allergia, fenomeno questo da non sottovalutare, specie quando si parli di rinite allergica, disturbo che tende ad aumentare.

Distinguere un semplice raffreddore da un raffreddore allergico non è difficile. Basta affidarsi ad alcuni semplici accorgimenti come il prestare attenzione al colore della mucosa, al tipo di starnuti ed alla congiuntivite. In base a questi tre elementi non avrete problemi nel capire che tipo di malessere il bambino abbia in corso. Per ciò che concerne la mucosa in caso di rinite allergica quest’ultima si presenta biancastra a differenza del raffreddore in cui si caratterizza per la consistenza densa e per il colore giallo verde.

Anche tenendo sotto osservazione gli starnuti si può giungere a capire con esattezza di fronte quale tipo di raffreddore ci si trovi. In caso di allergia infatti gli starnuti sono continui, quasi a raffica, in caso contrario sono sporadici con lunghe pause gli uni dagli altri. Un altro indizio è lo strofinamento del naso che caratterizza in maniera prepotente le allergie. Infine, un cenno meritano gli occhi. Le allergie sono spesso accompagnate da arrossamento oculare, prurito e gonfiore agli occhi. Accade come se il bambino sia soggetto ad una lacrimazione continua.

Nei prossimi giorni, dunque, i primi della nuova stagione, sarebbe bene prestare particolare attenzione ai sintomi appena descritti. Il rischio, infatti, può risiedere, specie relativamente a chi non abbia mai sofferto di allergia, di non riconoscerli subito.

Fonte

Photo Credit | Thinkstock