Se il papà fuma, il bambino può avere un danneggiamento del Dna

di Redazione Commenta

Lo stile di vita degli uomini condiziona la salute del bambino, anche quando è ancora nella pancia della mamma. Si fanno sempre tante raccomandazioni alle donne: non bere, non ingrassare troppo, evitare lo stress, ma anche i papà dovrebbero stare più attenti. È importante, per esempio, che riducano al minimo le sigarette.

La cosa migliore sarebbe smettere, ma visto che si tratta di un sacrificio enorme parliamo di riduzione. Secondo un recente studio University of Bradford condotto dalla dottoressa Diana Anderson della Division of Medical Sciences, i papà fumatori al momento del concepimento possono trasmettere al nascituro un dna danneggiato. Che cosa vuol dire? Significa essere più vulnerabili allo sviluppo di malattie gravi, quali il cancro.

Per giungere a questa tesi, gli esperti hanno confrontato lo sperma degli uomini fumatori (ovviamente i danni del dna dello sperma) con i danni al dna dei figli, grazie a due biomarker estremamente sensibili. È stato un lavoro complesso, ma incrociando i dati è stata evidente la relazione.  Diana Anderson ha dichiarato:

Questo studio non mostra un legame diretto con alcuna malattia, ma è evidente che lo stile di vita degli uomini prima e durante il concepimento può influire direttamente sull’informazione genetica dei figli. Le campagne antifumo sono in genere rivolte alle donne in dolce attesa, ma le coppie che si trovano a pianificare una famiglia devono sapere che il padre deve smettere di fumare prima del concepimento per evitare rischi alla salute del bambino.

 

Come abbiamo detto in molte occasioni la gravidanza non è una malattia, ma è fondamentale tutelare la salute del bambino fin da subito. E con subito non si intende il primo respiro, ma prima del concepimento. Le donne lo sanno bene: se si desidera un bambino è necessario prestare molta attenzione alla propria salute (dallo stile di vita alla dieta), perché per i padri non dovrebbe essere la stessa cosa?

 

Photo Credit| ThinkStock

 

[Fonte]