Notti insonni per le neomamme, cosa fare?

di Redazione Commenta

Il sonno è un fattore fondamentale nella vita di ogni uomo. Durante le ore di sonno, infatti, l’organismo si riposa e il sistema nervoso riordina ed organizza tutte le informazioni raccolte durante il giorno. Con la nascita di un bambino, dormire diventa spesso un optional e a lungo andare la stanchezza si fa sentire a discapito dell’equilibrio psico-fisico delle neomamme. Studi scientifici hanno dimostrato che il 55% delle mamme appare più emotivo e suscettibile a causa della privazione forzata del sonno, mettendo spesso a dura prova anche la vita di coppia.

Ecco per voi, care mamme, alcuni suggerimenti per cercare di sopravvivere alle temibili notti in bianco.

  • Riposate quando il bambino dorme: approfittate di quando il vostro bambino dorme per recuperare qualche oretta di sonno. Lasciate tutto in secondo piano e dedicatevi al vostro riposo per una dose di carica mentale e fisica indispensabile per affrontare la giornata.

  • Dialogate con il vostro partner: cercate di non addossare al vostro compagno le colpe della vostra stanchezza. Provate, invece, a dialogare con lui e, se necessario,a stilare una sorta di piano con dei turni di “veglia” per permettere un buon riposo ad entrambi. Se avete delle particolari esigenze non tenetevele per voi ma esprimetele al vostro compagno che senza dubbio farà di tutto per venirvi incontro.
  • Dividetevi i compiti: rendete partecipe il vostro compagno nella routine del sonno e nelle attività notturne del vostro bambino. Se allattate al seno, potete pensare di usare il tiralatte e preparare dei biberon che il vostro compagno potrà dare al bebè permettendovi di andare a dormire un po’ prima o evitandovi di alzare durante la notte per una poppata.
  • Seguite una dieta sana ed equilibrata: mangiate in modo corretto ed evitate troppi snack o dolci che vi forniscono solo un energia temporanea. Preferite frutta e carboidrati che rilasciano energia lentamente.
  • Fate movimento: l’esercizio fisico, sia esso un allenamento in palestra o una semplice passeggiata, favorisce il rilascio di endorfine che stimolano il buon umore.
  • Chiedete aiuto: non abbiate timore o vergogna di chiedere una mano. Lasciatevi aiutare da vostra madre o da un’amica nell’organizzazione della casa, a fare la spesa, o a badare al vostro bambino.