Neonati su Facebook un’ora dopo il parto: la nuova tendenza social

di Redazione Commenta

Famiglia Bublè in sala parto

Tutti in prima pagina. Non sarà la copertina di un giornale patinato, ma la tiratura di alcuni social network a volte è ancor più estesa. La tendenza dei neo genitori, ma anche dei parenti e amici più intimi, è quella di condividere l’immagine del proprio bebè, arrivato al mondo da circa un’ora e ancora con gli occhi chiusi, su Facebook. In ordine di tempo, l’ultimo vip ad avere annunciato l’arrivo del suo bimbo così è Michael Bublè.

La foto è quella che vedete sopra, purtroppo Michael Bublé per questioni di spazio è stato tagliato, ma si vedono benissimo sua moglie, la modella brasiliana Luisana, e il piccolo Noah. Il cantante, invece, è alle spalle della coppia e si trovano ancora in sala parto. Il piccolino, seppur appena nato, è già bellissimo: guardate che bocca, sembra un bocciolo di rosa. Bublé è un vip, è vero, ma questa moda ha contagiato soprattutto i nip.

Alcuni genitori più discreti non postano la foto intera, ma solo un piedino, una manina, un pezzetto di tutina. Insomma, nessuno si lascia scappare l’opportunità di dire al mondo: ecco, vi presento mio figlio o mia figlia. Secondo un’indagine, eseguita dal sito di photo-sharing Posterista, che ha coinvolto 2367 persone, il 77 percento dei neonati finisce su Facebook, il resto su Instagram e Flickr. Quanto tempo impiegano al debutto social? Mediamente 57,9 minuti. Nel 62 percento dei casi sono i genitori a dare l’annuncio, altrimenti si regista un 22 percento di parenti e un 16 percento di amici.

La moda di mettere i figli online, però, non finisce con il parto, ma prosegue. C’è il primo sorriso, il primo dentino, il primo bagno, il primo cambio di pannolino, fino alla laurea e al matrimonio. Il 64% dei genitori intervistati carica foto dei propri figli più volte a settimana, il 21% tre volte al mese.  Solo il 6 percento non ha mai condiviso immagini del proprio piccolo e chi lo fa sostiene che non sia per narcisismo, ma per mantenere un contatto con chi sta lontano.

 

[Fonte]

Foto | Michael Bublè su Facebook