Maestra delle elementari maltratta i bambini: li lega con corde e nastro adesivo

di Redazione Commenta

Ancora una volta si parla di maltrattamento. Purtroppo negli ultimi anni sono venuti alla luce in alcune scuole materne ed elementari dei casi di violenza davvero tremendi. Bambini costretti a mangiare, bambini picchiati, bambini legati. La storia si ripete. Una maestra di una prima elementare di un paese della provincia di Reggio Emilia è stata indagata per aver tappato la bocca con il nastro adesivo a tre bambini.

Non è tutto. Testimonianze sostengono che avrebbe anche legato un alunno alla sedia allacciandogli i polsi con delle corde. Un’immagine veramente da film. È pensabile affidare i propri bambini a una scuola e scoprire l’utilizzo di questi metodi, perché non si è in grado di gestire l’esuberanza dei piccoli? Ovviamente no. In un Paese civile certe cose non dovrebbero accadere, ma questa volta è inutile accusare la Scuola Pubblica. La responsabilità individuale dovrebbe prevalere.

 

È vero educare spetta ai genitori e ai maestri insegnare. Non si può pretendere che i professori si facciano carico anche dell’educazione dei nostri figli e in qualche modo suppliscano il ruolo di mamma e papà.  Detto ciò hanno delle misure di punizione da utilizzare, che non prevedono corde, nastro adesivo sulla bocca e botte, da sfruttare. Si chiamano compiti extra, piccoli rimproveri, esoneri da attività ludiche e semmai anche sospensioni.

La vicenda, accaduta nell’anno scolastico 2011-2012, era stata raccontata dai genitori e dai bambini e ha dato il via a un’inchiesta della magistratura. Le indagini stanno ora proseguendo: il direttore della scuola ha inviato una segnalazione alla Procura e il sostituto procuratore ha deciso di chiedere un incidente probatorio in forma protetta. La maestra, ai tempi, era stata  formalmente richiamata dalla direttrice e si è giustificata dicendo che i bimbi erano irrequieti, senza però ammettere l’uso del nastro adesivo. Ora la donna ha cambiato scuola ed è ovviamente sotto inchiesta, con l’ipotesi accusatoria di maltrattamenti in famiglia.

 

Photo Credit | ThinkStock