Macchia mongolica nei neonati, cos’è

di Redazione Commenta

 

La pelle del neonato oltre ad essere delicatissima, soprattutto nei primi mesi di vita del bambino, presenta delle caratteristiche particolari che spesso mettono in allarme i genitori, specie quelli alle prime armi.  Sono diversi i fenomeni che richiedono particolare attenzione ed a volte il controllo del medico, ma in genere si tratta di manifestazioni che tendono a scomparire in maniera naturale. Tra questi la macchia mongolica. A prima vista potrebbe somigliare ed essere scambiata per un livido, ma è tutt’altro. Si tratta di una macchia che va generalmente a comparire nella regione lombo-sacrale ed è caratterizzata da una forma irregolare con bordo ondulato: è di natura benigna.

Macchia mongolica nei neonati, cos'è

Ha un colore che varia dal grigio al blu-verdastro. Il suo diametro può andare da pochi millimetri fino a più di 10 cm. La comparsa di una macchia mongolica sul corpo del proprio bambino non deve creare allarmismi: essa è provocata dalla presenza in eccesso nel derma di cellule che producono melanina. Può essere presente già alla nascita o fare la sua comparsa durante le prime settimane dopo il parto. Scompare in genere spontaneamente durante il primo anno di vita o anche tra i 3 ed i 5 anni, a seguito dell’avvenuta e normale pigmentazione. Tende ad essere più diffusa tra i bambini di carnagione scura anche se nei bambini italiani ha un’incidenza del 10 % circa.

Il nome di tali macchie deriva dal fatto che queste siano molto più diffuse presso le popolazioni orientali. In queste però non si limitano alla sola zona lombo-sacrale ma tendono a diffondersi anche sulle gambe e sulle braccia. Definita in dermatologia con il nome “melanocitosi dermica congenita in regione lombo sacrale” in realtà, e come anticipato sopra, non è niente di preoccupante: nella maggior parte dei casi, infatti, tende a sbiadire fino a scomparire in maniera del tutto spontanea. Quì come proteggere la pelle del neonato dal freddo e quì tutto quello che c’è da sapere sulle macchie caffelatte nei bambini.

Photo Credit | Thinkstock