I libri da regalare ai bambini per Natale 2016

di Redazione Commenta

Nonostante giochi e giocattoli di ogni genere spopolino in questo periodo dell’anno costituendo gli ambiti regali delle prossime feste natalizie, a ricoprire un ruolo di grande importanza nella formazione dei più piccoli ci sono i libri. Se da un lato è vero che qualcuno possa storcere il naso dopo averne scartato uno in quanto automaticamente associato ai volumi di scuola, quelli che devono essere letti “per forza” insomma, è anche vero che siano molti i piccoli appassionati lettori che saranno entusiasti di riceverne un altro.

I libri da regalare ai bambini per Natale 2016

Perchè non favorire tale passione che rappresenta la base per un’istruzione completa? Ecco i libri da regalare ai bambini per l’oramai imminente Natale!

Non si può non iniziare con “Harry Potter e la maledizione dell’erede”: gli appassionati della saga faranno i salti di gioia ritrovandoselo sotto l’albero. E’ uscito oramai da qualche mese: assicuratevi che il destinatario non l’abbia ancora e provvedete: si tratta di un campione di incassi relativamente all’anno che sta per volgere al suo termine.

Edito da Mondadori c’è anche Il pericoloso libro delle cose da veri uomini di Conn Iggulden e Hal Iggulden – ill. R. Horne. Destinato ai bambini dai 9 anni di età, raccoglie una sorta di elenco delle “cose” avventurose, e meno, da fare assolutamente.

Per i piccoli appassionati di storia c’è Il diario del piccolo viaggiatore nel tempo: un viaggio ideale attraverso un milione di anni di storia che permette di imbattersi in personaggi del calibro di Cristoforo Colombo, Mozart e Leonardo da Vinci: dagli 8 anni in su.

Ai bimbi amanti di Topolino non fate mancare Le più belle storie di Disney con un solo tema, dalla cucina al cinema. Perfetto anche per i più piccoli. Dagli 11 anni in su è, infine, consigliato “Mio fratello è un Custode di Morine Carteron, adatto ai lettori amanti di intrighi ed azione.

Libri per bambini: in uscita il primo di Stephen King dedicato ai più piccoli

I libri pop up sono meno educativi di quelli classici

Photo Credit | Thinkstock