Bere in gravidanza nuoce alla fertilità dei figli maschi

di Micol 2

bere-alcolici-gravidanzaTutte noi sappiamo che in gravidanza dobbiamo evitare di bere alcolici perché un comportamento del genere mette a rischio la nostra salute e quella del nascituro. La notizia di oggi ci dice che bere in gravidanza può avere delle conseguenze a lungo termine, persino sulla fertilità dei figli maschi. Questa ipotesi è stata avanzata da uno studio danese e presentata nell’annuale congresso dell’ «European Society of Human Reproduction and Embriology», in corso a Roma.


Secondo i ricercatori potrebbero essere sufficienti circa cinque bicchieri di vino a settimana per riuscire a compromettere la fertilità futura, risultato dovuto alla capacità dell’alcol di ledere non solo gli spermatozoi ma anche di danneggiare lo sviluppo del tessuto testicolare. La ricerca ha analizzato gli spermatozoi di 350 ragazzi e ha messo a confronto la “salute” di questi con la abitudini rispetto all’alcol delle madri venti anni prima della loro nascita. Gli studiosi sono riusciti a stabilire il preoccupante legame, evidenziando come 6,75 unità di alcool (un’unità equivale a mezza pinta di birra o a un bicchiere piccolo di vino) a settimana ridurrebbero addirittura del 32% la concentrazione di spermatozoi. Una diminuzione che, invece, non si registrerebbe in chi beve poco o nulla.

Sebbene lo studio non abbia dimostrato con assoluta certezza che l’alcool sia il responsabile di tale situazione e siano necessarie ulteriori ricerche, è, però, possibile che l’assunzione di bevande alcoliche in gravidanza riduca il numero degli spermatozoi nei bambini quando questi crescono e diventano uomini. E se tale indicazione verrà confermata, si potrà prevenire l’infertilità maschile e non compromettere così nemmeno la possibilità delle donne di diventare un giorno nonne, spiegando alle future mamme di non bere mentre aspettano o se hanno il dubbio di essere incinta, perché lo sviluppo delle gonadi maschili è legato all’inizio della gravidanza.

ha spiegato la ricercatrice Cecilia Ramlau-Hansen.

Che non fosse giusto bere in gravidanza era abbastanza scontato ma che le quantità limite di alcol assumibili fossero così basse mi ha davvero stupida. Meno male che sono astemia!