Giochi in scatola per bambini, al via la settimana dedicata

di Redazione Commenta

Giochi scatola bambini via settimana dedicata

Giunge quest’anno alla terza edizione un’iniziativa interessante relativa ai bambini, la “Settimana del Gioco in scatola“. In un epoca fortemente invasa dalla tecnologia, nella quale forse si è perso il piacere di passare qualche piacevole ora in famiglia di fronte il monopoli, il gioco dell’oca o un altro dei tanti che hanno accompagnato la nostra infanzia, potrebbe rivelarsi una vera scoperta per i più piccoli, maneggiare pedine o finti soldi in carta senza dover ricorrere al mouse per giocare, assaporando così il puro piacere di condurre una partita con i fratellini/sorelline o gli amichetti.

Si svolgerà da oggi 16 novembre fino al 24 la terza edizione della “Settimana del gioco in scatola” che coinvolgerà diffusamente tutte le regioni italiane e che si pone come scopo quello di far riscoprire ai bambini, ma anche ai loro genitori, la cultura del gioco in compagnia. Sarebbe bello tornare a sedersi insieme ad un tavolo, studiare le regole del gioco, impegnandosi nel rispettarle e nel farle rispettare con la speranza di arrivare primi facendo leva su tutto il proprio impegno. Usanza questa che si è via via estinta, soprattutto in seguito alla diffusione di computer, tablet e telefonini di ultima generazione che catturano sicuramente molto più facilmente l’attenzione dei piccoli di casa con i loro suoni ed i loro colori accattivanti.

La “Settimana del gioco in scatola” vedrà sfidarsi tre tipologie di concorrenti: family & friends, ovvero la categoria alla quale potranno iscriversi le famiglie o i gruppi di amici con un debole per questa tipologia di giochi; i comuni, ben 50 si metteranno in gioco coinvolgendo l’intera popolazione che verrà spinta a mettersi alla prova in una determinata sfida, con la speranza di aggiudicarsi il titolo di vincitore; ed infine i network, ovvero gli enti come gli ospedali, gli enti o le associazioni che s impegneranno per conquistare la vittoria.

Fonte

Photo Credit | Thinkstock