Frutta nelle scuole per combattere l’obesità infantile

di Daniela 3

frutta nelle scuole

Si fa un gran parlare di obesità infantile in grande aumento anche tra i bambini italiani; tra le tante iniziative che sono state realizzate per sensibilizzare i piccoli e i loro genitori sull’importanza di seguire un’alimentazione corretta c’è il progetto “Frutta nelle scuole – Nutrirsi bene, un insegnamento di frutta”, promosso dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (MiPAF) e organizzato da Apofruit Italia che prevede la distribuzione gratuita di frutta fresca in 1.700 scuole elementari di 10 regioni italiane.

Il progetto è nato per promuovere la presenza della frutta nelle scuole al post di snack ipocalorici, coinvolge quasi tutti i paesi dell’Unione Europea, ed è rivolto ai bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, ovvero quelli più a attratti dalle merendine. Fino a maggio 2010, ad ogni alunno verranno forniti, per 20 giorni, 150 grammi di frutta sbucciata, tagliata e pronta al consumo in singole confezioni monodose.

La frutta proposta sarà diversa in modo da far conoscere ai bambini le caratteristiche di ciascuna frutta, i valori nutrizionali e le varie produzioni. La consegna dei prodotti avverrà lontano dai pasti, in quanto si vuol promuovere la frutta come spuntino e merenda salutare in alternativa agli snack ipercalorici; tra la frutta consegnata ci saranno kiwi e mele a produzione biologica, e pere e fragole a produzione integrata.

Oltre alla frutta verranno distribuiti ai bambini dei materiali informativi e dei gadget a tema; inoltre  saranno organizzate delle attività didattiche pratiche e dimostrative; è prevista, inoltre, la distribuzione di opuscoli e materiali ad hoc anche per genitori ed insegnanti.