Fisher-Price, richiamo per 5 milioni di culle mortali 

di Fabiana Commenta

 

Oltre 32 bambini in dieci anni morti dopo essersi rotolati nelle culle Fisher-Price: e la Mattel annuncia il richiamo di 4,7 milioni di culle. 

Sotto accusa, come causa mortale, il modello Rock ‘n Play Sleeper che ha causato incidenti mortali ai bambini che vi si sono rotolati all’interno: i bambini sarebbero rimasti soffocati.

Il ritiro verrà effettuato in collaborazione con la Commissione, che già il 5 aprile ha invitato a non mettere più i bambini sui seggiolini dopo i tre mesi di età o comunque dopo che abbiano imparato a voltarsi sul fianco. 

La Mattel, attualmente proprietaria del marchio Fisher-Price, ha da parte sua rivendicato la sicurezza del suo prodotto spiegando che tutti i decessi dei 32 bambini, si sono verificati in casi in cui i genitori non hanno assicurato i bebè al seggiolino non avendo utilizzato correttamente le cinture di sicurezza come indicato nel manuale di istruzioni. 

Dopo la segnalazione degli ultimi 10 incidenti mortali, anche di bambini di età inferiore ai tre mesi, l’azienda ha allertato i consumatori di non usare più la culla. 

Mentre continuiamo a salvaguardare la sicurezza di tutti i nostri prodotti dati gli incidenti segnalati in cui il prodotto è stato utilizzato in modo contrario alle avvertenze e alle istruzioni di sicurezza, abbiamo deciso in collaborazione con la Consumer Product Safety Commission (Cpsc) che questo richiamo volontario è la migliore linea d’azione.

Ha comunicato in una nota l’azienda. A chiedere il ritiro immediato della culla considerata come mortale, era stata stato l’American Academy of Pediatrics chiedendo un’azione immediata che adesso è arrivata con il ritiro.

NEONATI, MEGLIO LA CULLA O LA CESTA?

 

PHOTO CREDITS | MATTEL