Doricum gocce nasali: quando usare questo farmaco

di Gio Tuzzi Commenta

Doricum, è un farmaco utilizzato per diversi tipi di patologie: combatte germi e i batteri, che provocano riniti e infiammazioni al tratto auricolare e nasale e viene somministrato per sospensione, introducendo le gocce de prodotto nei seni paranasali e nel condotto auricolare. Trattandosi di un farmaco, va utilizzato sempre sotto prescrizione medica, in particolare per le dove in stato gravidico, e per i neonati. Doricum, è un farmaco ad azione antinfiammatoria, che contiene Fluocinolone: è dunque utile per contrastare le riniti batteriche, gli stati di raffreddamento e le infezioni del tratto uditivo.

 

Il dosaggio dovrà essere stabilito dal pediatra per i neonati e per le donne in stato d’attesa dal proprio medico. In media, per curare le riniti batteriche e gli stati di congestione nasale, si consigliano 1/3 gocce al giorno, per un periodo che va dai 3 ai 7 giorni di cura. Doricum, come la maggior parte dei farmaci, po’ causare degli effetti collaterali, come bruciore ai seni nasali, ed è per questo, che va utilizzato nelle dosi consigliate per un tempo limitato. In caso di effetti collaterali altri, è necessario consultare il proprio medico curante.

 

Doricum gocce nasali è un farmaco molto utilizzato, che ha una base antinfiammatoria e che per questo, può essere sostituito dal paracetamolo, che è meno invasivo per i bambini al di sotto di tre anni di età, e che combatte gli stati di infiammazione, di raffreddamento, congestione e dolore. In associazione al paracetamolo, i pediatri consigliano di utilizzare delle soluzioni termali da introdurre nelle cavità nasali, per liberare il naso dai muchi e scioglierli, rendendoli cosi più fluidi e facilmente espettorabili.

Doricum, va utilizzato solo in caso di forte infiammazione e infezione, perché è ujn farmaco a base di neomicina, ovvero di cortisone e antibiotico, due medicinali entrambi molto forti per un neonato, che dunque vanno utilizzati solo in caso di necessità. Inoltre, la neomicina contenuta in questo farmaco, in associazione con altre tipologie di farmaci, potrebbe causare gravi effetti collaterali, tra cui micosi, infezioni della muscosa o della pelle, o perforazione del timpano o anche brucione nasale. E’ dunque preferibile utilizzare Doricum in caso di urgenza, solo sotto prescrizione medica, e provvedere alla risoluzione della problematica infettiva, mediante paracetamolo e assunzione di un maggiore quantitativo d’acqua, che insieme alla soluzione nasale, aiuta ad eliminare i muchi. Anche l’alimentazione a base di vitamine che rafforzino il sistema immunitario può aiutare in caso di indebolimento causato dagli stati influenzali.