Come tenere il bambino durante il bagnetto

di Redazione Commenta

Il bagnetto è uno dei momenti più importanti della routine giornaliera del bambino. Quando però stringiamo per la prima volta tra le braccia il nostro neonato, ci rendiamo conto che è piccolissimo e che forse potrebbe non essere così facile come abbiamo immaginato. Il problema di base è solo uno: come va tenuto correttamente?

bambino-bagnetto

Non c’è un unico modo. Prima di tutto preparate la vaschetta con l’acqua a una temperatura che non sia troppo calda. Usate un termometro per verificare. Di norma non si superano i 37 gradi. Non mettete troppa acqua: non serve e tra l’altro potrebbe anche essere d’ostacolo al lavaggio.

La cosa più importante è tenere sollevati molto bene il collo e la testa. Potete far appoggiare il collo del neonato al polso e sorreggergli la spalla con pollice e indice della stessa mano del polso. In questo modo, avrete libera l’altra mano per lavarlo correttamente. Le prime volte se è troppo piccolino è meglio che il collo appoggi nell’interno del vostro gomito e la mano scivoli direttamente sotto il suo sederino.

Sono comode le vaschette che hanno lo scivolo a cucchiaio su cui appoggiare il piccolino. Attendete però che abbia almeno un paio di mesi. Quante volte va lavato? In linea di massima i pediatri, per evitare dermatiti, consigliano non più di 2 o 3 volte la settimana. Se però il bimbo è nervoso, potrebbe aver difficoltà a dormire, il bagnetto è sicuramente un momento di relax che può aiutarlo a rilassarlo. E allora, purché non troppo lungo, concedetevelo qualche volta in più.

Il bagnetto si può fare in qualsiasi momento della giornata, in linea di massima è meglio farlo nel tardo pomeriggio o la sera, prima della nanna. Asciugatelo bene e magari fate un bel massaggino con un olio emolliente, che sicuramente regalerà una piacevole coccola con la mamma. 

Photo Credits | Shutterstock / Fotos593