Come curare le coliche del neonato

di Redazione 1

Coliche bambini

Le coliche nei neonati sono un problema molto diffuso, perché colpisce circa un quarto dei bambini. Ci sono piccoli che soffrono di episodi sporadici e piccoli, invece, che tutti i giorni devono fare i conti con forti dolori al pancino. Come affrontare e curare il disturbo? La prima cosa da fare è capire se il bimbo ha davvero in corso una colichetta o il disturbo è di natura diversa.

Come si manifesta? Ovviamente con pianto fortissimo, dolore all’addome, che si presenterà rigido. Di solito i bimbi tendono anche a tirare forte le gambine e a diventare tutti d’un pezzo. Inoltre, il campanello d’allarme è la durata: questo tipo di disturbo può far piangere il bambino anche per ore (o giorni) consecutivi.

Quali sono le cause? Alla base c’è sicuramente l’alimentazione, a base di latte, che tende a fermentare un po’, e poi probabilmente un problema di carattere ormonale. Alcuni studi sostengono che i bimbi che soffrono maggiormente di coliche siano nella maggior parte dei casi quelli più sensibili.

Come gestire la situazione? Prima di ogni cosa, bisogna avere pazienza e non farsi prendere dal panico. Non c’è genitore che riesca a resistere al pianto straziante di un neonato. Dovete però far capire al bambino che non è nulla e che passerà. Tenetelo tanto in braccio, possibilmente massaggiandogli la pancina.

Avrà una sensazione di benessere anche grazie al tepore della mano. Potete aggiungere una piccola borsa dell’acqua nel lettino o fargli dei bagnetti tiepidi per dargli un po’ di benessere. Se state poi allattando al seno, provate ad analizzare la vostra dieta. Probabilmente c’è qualcosa che mangiate che potrebbe dare fastidio al bambino. Che cosa? Per esempio i formaggi, ma anche gli alimenti speziati o le bibite contenenti cola o caffeina. Provate a eliminare questi prodotti e verificate se il bimbo reagisce meglio.

E poi quando proprio non ce la fate più pensate che le coliche durano al massimo un paio di mesi. Dopo il terzo mese dovrebbero scomparire completamente.

Photo Credit | ThinkStock