Calcolo dell’ovulazione, nuovi e vecchi metodi

di Redazione Commenta

Il calcolo dei giorni fertili di una donna non può, purtroppo, basarsi su precise formule matematiche. Esistono però diversi metodi che consentono di individuare il particolare periodo del ciclo in cui è possibile avere dei rapporti fecondi. Accanto ai metodi classici hanno fatto la propria comparsa negli ultimi anni nuovi strumenti che ci permettono di capire se l’ovulazione è in corso in modo più facile e immediato. Dopo il salto una breve panoramica sui nuovi e vecchi metodi di calcolo dell’ovulazione.

Calcolo della temperatura basale

La temperatura basale rappresenta ancora oggi uno dei metodi più diffusi per l’individuazione dei giorni fertili. Consiste nel rilevare tutti i giorni, a partire dal primo giorno del ciclo, la temperatura corporea per via vaginale o rettale e rilevarne i cambiamenti attraverso un grafico. Il picco ovulatorio coincide con la fase del ciclo in cui si osserva un’abbassamento e il successivo rialzo della temperatura.E’ un metodo piuttosto collaudato ma presenta almeno due limiti: da un lato è sconsigliato alle donne affette da squilibri ormonali, dall’altro vi sono diversi fattori che influiscono sulla temperatura basale e possono falsare le vostre ipotesi sui giorni di ovulazione: l’aver assunto alcol, aver dormito poco e, naturalmente, avere la febbre o il raffreddore.

Per sapere come si calcola la temperatura basale:

La misurazione della temperatura basale

Metodo Billings

Il metodo Billings si basa sull’osservazione del muco vaginale che durante la fase ovulatoria diventa più denso e filante. L’osservazione è facilitata nel momento successivo all’atto dell’urinare. Il metodo è consigliato alle donne molto pratiche nell’osservare i mutamenti del proprio corpo e anche in questo caso possono verificarsi alcuni eventi che falsano il vostro giudizio. Il muco vaginale, infatti, tende a diventare più denso anche in caso di infezioni vaginali, piaghette nel collo dell’utero, assunzione di alcuni farmaci.

Per saperne di più:

Il metodo Billings

Veniamo adesso ai nuovi metodi per calcolare i giorni fertili

Test di ovulazione

Tra i metodi per calcolare i giorni fertili diffusi negli ultimi anni abbiamo gli stick per l’ovulazione, noti come test per l’ovulazione. Alcuni funzionano esattamente come i classici test di gravidanza: il bastoncino viene bagnato di urina e permette di rilevare la presenza di due ormoni coinvolti nel porcesso ovulatorio: estradiolo e ormone luteinizzante. Altri invece si basano sull’individuazione degli ormoni legati all’ovulazione non attraverso l’urina ma attraverso la saliva.

Per saperne di più:

Gli stick per l’ovulazione, come funzionano

Eva-Test, un test per l’ovulazione con la saliva.

Photo credit | Think Stock