Bambini in spiaggia, come evitare le infezioni

di Fabiana Commenta

Le vacanze al mare sono spesso quelle preferite dai bambini che irresistibilmente attratti dalla sabbia: ma attenzione perché proprio la sabbia nasconde non poche insidie e può portare infezioni e fastidi di vario genere.

Diventano allora indispensabili una serie di precauzioni da prendere per evitare a monte i problemi, che possono manifestarsi come le più comuni malattie gastrointestinali, le verruche o l’impetigine

Sarebbe meglio impedire al bambino di mettere le mani in bocca mentre gioca con la sabbia e naturalmente impedire al bambino di mangiare la sabbia che sembra attrarre i piccoli come non mai.

Fate indossare al bambino il costume o il pannolino e le ciabattine al bambino mentre gioca e tenete sempre il bambino asciutto grazie a un asciugamano di cotone. Le unghie del piccolo vanno sempre tenute corte per evitare che lo sporco della sabbia rimanga sotto: in ogni caso pulitele ogni volte che potete.

Ricordate di lavare bene il bambino dopo che ha giocato nella sabbia utilizzando un disinfettante delicato apposito.

Dopo il bagno ricordate di cambiare costume e pannolino al bambino dopo che ha giocato nella sabbia o nell’acqua.

BAMBINI AL MARE, CHE COSA PORTARE IN SPIAGGIA

Indispensabili le ciabattine da far indossare al bambino in spiaggia visto che la sabbia può contenere conchiglie, pezzi rotti di vetro, ma è importante ricordare le ciabattine soprattutto al momento di recarsi al bar, alle docce o ai bagni.

Curate sempre il bambino dalle punture di insetto e dalle dermatiti per evitate che si gratti e dopo una giornata al mare ricordate di controllare la pelle e la testa del bambino per cercare di individuare eventuali infezioni.

 

photo credits | thinkstock