Bambini in ospedale, come aiutarli a vivere questa esperienza

di Redazione Commenta

Purtroppo può accadere a tutti i bambini di dover trascorrere un periodo di tempo in ospedale perchè ricoverati o bisognosi di medicazioni tempestive al pronto soccorso. L’acetone, la febbre troppo alta, una brutta caduta sono tutte evenienze che possono condurre noi genitori a rivolgerci all’ospedale pediatrico più vicino.

Questa esperienza, che sia breve o prolungata, è motivo di grande ansia per mamma e papà e rappresenta per il bambino uno stress non indifferente. Per questo motivo è utile seguire alcune indicazioni che aiutino tutta la famiglia ad affrontarla al meglio. vediamole insieme:

Anzitutto mantenete quanto più possibile la calma. E’ vostro dovere mostrarvi sereni al cospetto di vostro figlio.

In caso di ricovero, passate più tempo possibile in ospedale con vostro figlio allontandandovi solo quando è strettamente necessario. Anche se la maggior parte degli ospedali pediatrici sono dotati di ambienti allegri e colorati, il bambino potrebbe vivere questo luogo come strano, minaccioso e ostile.

Per lo stesso motivo, assicuratevi che il piccolo abbia con sè qualcosa di familiare, cui è affezionato come ad esempio il suo giocattolo preferito.

Spiegate al piccolo cosa gli sta accadendo; siate sinceri e non cercate di rassicurarlo nacondendogli la verità, seppure a fin di bene. Se il medico dovrà applicargli dei punti, non ditegli che non sentirà nulla perchè, purtroppo, constaterà presto che non è così e si sentirà tradito; spiegategli piuttosto (ma spesso sono gli stessi operatori a farlo) che sentirà un pizzichino ma che serve a fargli passare la “bua”.

Dopo il ricovero è probabile che vostro figlio si mostri un po’ irritabile e/o che abbia incubi. Abbiate pazienza, dategli del tempo e siate amorevoli, con il tempo tutto tornerà alla normalità.

Se il ricovero in ospedale è pianificato, preparate il bambino per tempo: in questo caso vi sarà utile giocare con lui al dottore aiutandolo a medicare o ad “operare” pupazzi e peluches.