Bambini, se la neuropsichiatria sostituisce l’educazione

di Emma Commenta

Si chiama Non è colpa dei bambini ed è il nuovo libro edito da Rizzoli di Daniele Novara, professione pedagogista che si impegna a denunciare la situazione in cui si trovano a vivere i bambini della società contemporanea.

Abbiamo lasciato che la neuropsichiatria sostituisse l’educazione e la pedagogia. 

Educazione bambini, educazione bambini,

È l’allarme lanciato da Novara che pone l’attenzione sulla notevole difficoltà educativa da parte della scuola e della famiglia che porta poi i bambini a dover affrontare situazioni difficili: si pensa che le carenze educative giustificate dai comportamenti sbagliati dei bambini trasformandoli in pazienti neuropsichiatrici. 

Il problema però è che i bambini in realtà, non sono malati, ma semplicemente confusi visto che hanno peso ogni punto di riferimento. I genitori sembrano non essere d’accordo sulle cose importanti, le regole sono variabili e bambini cominciano a soffice anche da un punto di vista emotivo rinchiudendosi nel “vittimismo dispotico, attivando comportamenti difficili: aggressività, distrazione, disinteresse, rabbia, paura, regressione”.

E prima di portare i bambini dallo psicologo, come molti insegnanti sono portati a consigliare con estrema facilità, è il caso di occuparsi della giuste questioni educative: il neuropsichiatra lavora sulle malattie e non sull’educazione.

Molte responsabilità poi devono essere attribuite agli errori educativi di genitori ed educatori: molte scuole hanno ad esempio tolto il riposino di tre ore ai bambini di tre anni che soffrono la carenza di sonno finendo per innervosirsi.

IL METODO DANESE PER RENDERE FELICI I BAMBINI

Pessima abitudine anche quella di far dormire i figli nel lettone, dovrebbe vestirsi da solo, dormire 11 ore.

Ma la vita frenetica spesso fa sì che i comportamenti dei genitori diventino sbagliati consentendo dl bambino di dormire nel lettone, di vestirlo per non fare tardi o di dargli una merendina perché non c’è tempi fare colazione seduti.

Lo sbaglio maggiore dei genitori poi è la totale disponibilità assoluta visto che al genitore autoritario si è sostituito il genitore zerbino. 

Non è una buona alternativa, ma tutto sta per trovare la giusta organizzazione che deve essere condivisa prima fra i genitori e poi trasmessa ai figli.

 

photo credits | think stock