Aumento delle allergie tra i bambini, quali sono le vere cause?

di Redazione 1

allergie bambini cause

Negli ultimi quindici anni la diffusione delle allergie è aumentata vertiginosamente e attualmente il 30 per cento dei bambini soffre di una qualche forma di allergia. Ma quali sono i reali motivi alla base del fenomeno? Lo ha spiegato Maurizio De Martino, professore di pediatria all’Università di Firenze, nel corso del suo intervento al trentunesimo Congresso Annuale della Società di Infettivologia Pediatrica a Milano.

Secondo il professore De Martino, l’aumento delle allergie infantili è causato dalla maggiore diffusione di diversi fattori di rischio non necessariamente correlati tra loro: anzitutto le maggiori probabilità di sopravvivvenza dei bambini con basso peso o sottopeso alla nascita, l’aumento delle donne fumatrici, il maggior numero di bambini obesi o in sovrappeso (il rischio di sviluppare allergie è infatti direttamente proporzionale all’indice di massa corporea), l’aumento di acari nella polvere e delle famiglie che posseggono un animale domestico oltre che dell’inquinamento ambientale.

De Martino ritiene che anche l’impiego sempre più massiccio di alcuni farmaci che modificano la risposta immunitaria del bambino abbia un ruolo ma non condivide la teoria secondo la quale l’aumento delle allergie coincide con una diminuzione delle infezioni ed è dovuto al miglioramento delle condizioni igieniche, all’uso degli antibiotici e alla diffusione su larga scala dei vaccini. Non è dimostrato infatti che vi sia un legame tra riduzione delle infezioni e aumento delle allergie, in altre parole che le infezioni proteggano dalle allergie.

Per quanto riguarda invece la tesi secondo la quale il vaccino favorirebbe l’insorgenza delle allergie, afferma l’esperto, esiste una ormai vastissima mole di studi che dimostra la totale infondatezza di questa ipotesi.

[Fonte]

Photo credit | Think Stock