Allergia al latte dei bambini: si può guarire?

di Ishtar Commenta

Allergia latte bambini si può guarire

L’allergia al latte, in particolare alla proteina del latte vaccino, colpisce un numero sempre maggiore di bambini. Sarebbe circa il 3% dei piccoli al di sotto di un anno di età, come diffuso dai dati dell’Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza. Non sempre però i sintomi legati a tale allergia vengono subito identificati, molto spesso perchè comunemente ricononducibili anche ad altre patologie. Sarebbe dunque consigliato prestarvi particolare attenzione e non sottovalutarli perchè potrebbero causare delle conseguenze anche pericolose.

Tra i principali sintomi dell’allergia al latte ci sono frequenti episdi di vomito, dolori all’addome e rigurgiti, ma non è solo l’apparato gastro-intestinale ad essere colpito, potrebbero verificarsi episodi di tosse e difficoltà nella respirazione. Anche le reazioni cutanee sono da annoverare tra le possibili manifestazioni, fino ad arrivare addirittura allo shock anafilattico. Episodi dunque più o meno preoccupanti che richiedono necessariamente delle analisi cliniche in grado di fornire maggiore chiarezza e consentire un adeguato trattamento, attraverso la giusta ed efficace terapia.

In molti casi i bambini risentono delle proteine del latte ingerite dalla madre, che le trasmette loro attraverso l’allattamento al seno: sarebbe bene dunque eliminarlo dalla dieta e far si che il bambino, a seconda dell’età e della gravità dell’allergia, assuma un alimento sostitutivo specifico. Un aspetto significativo riguarda la diversa percentuale dell’allergia a seconda della zona: nel nord Europa ad esempio si registra un’incidenza maggiore rispetto che nelle zone meridionali. In Italia, in particolare, il numero dei bambini allergici al latte è pari allo 0,8%.

Ma guarire si può: fondamentale però sarà seguire un iter costituito da tre tappe specifiche: sospettarla, diagnosticarla e proporre una dieta adeguata. Senza le tre fasi appena descritte difficilmente il problema si debellerà in maniera definitiva e senza effetti collaterali. Tra i metodi necessari all’individuazione dell‘allergia al latte ci sono il dosaggio delle IgE specifiche, il test cutaneo e il test da carico. Una volta accertata, il latte dovrà essere bandito dalla dieta del bambino, così come i formaggi, i gelati e tutti i cibi che lo contengano, ma non quelli a base di lattosio che non è una proteina, ma semplicemente uno zucchero.

Fonte

Photo Credit | Thinkstock