Acquisti per la scuola, i consigli su come risparmiare

di Redazione Commenta

Ci siamo quasi, tra pochi giorni i bambini torneranno sui banchi di scuola, con somma gioia dei genitori, ammettiamolo. Non li avranno più in casa a gironzolare tra una stanza e l’altra e non li sentiranno più lamentarsi del fatto che si annoino. C’è, però, il rovescio della medaglia, che in questo caso è da riscontrarsi nelle spese scolastiche, le quali incidono sostanzialmente sul budget familiare, specie nel caso in cui gli studenti in casa siano più di uno. E’ possibile risparmiare qualcosa? La risposta è si: ecco qualche consiglio in merito.

Acquisti per la scuola, i consigli su come risparmiare

Secondo i dati forniti dal Codacons, la spesa per la scuola si aggira sui 500 euro per tutto il corredo scolastico, escludendo i libri. Ciò premesso, seguendo qualche piccolo accorgimento, tale costo si può ridurre. Da dove iniziare? Semplicemente dall’evitare in tutto e per tutto di effettuare acquisti dettati dalle mode del momento. Optando per dei prodotti meno noti ma della medesima qualità, potrete risparmiare notevolmente sull’acquisto di diari, astucci e quaderni.

Luogo ideale per molti di tali acquisti è il supermercato. Quelli più forniti hanno a disposizione dei clienti degli interi riparti a riguardo, presso i quali poter godere di una vasta scelta. Cercate il sottocosto: spesso tali promozioni risultano essere più che convenienti.

Evitate allo stesso tempo di acquistare tutto l’occorrente subito. In prossimità dell’inizio della scuola molti commercianti ci marciano su. Successivamente, nel corso dell’anno, il costo di penne, quaderni & Co. tende a scendere. Dilazionate gli acquisti nel corso dell’anno scolastico se non immediatamente necessari.

Per quanto riguarda alcuni acquisti, invece, attendete le indicazioni di maestri e professori. Sapranno consigliarvi al meglio su quelle che siano le proprie preferenze evitandovi, così, una doppia spesa. Banale ma sempre meglio ricordarlo, nel caso di più bambini potrete sperare che utilizzino a scuola gli stessi libri o riutilizzare per il più piccolo il grembiule del maggiore.

Photo Credit | Thinkstock