Il tappo mucoso

 
Chiara R
14 marzo 2011
Commenta

La gravidanza sta giungendo al termine e si sta avvicinando il giorno in cui, in base ai calcoli del ginecologo, dovrebbe nascere il vostro bambino. La data presunta del parto, però, come dice il nome, è solo presunta in quanto è molto difficile stabilire con precisione il giorno esatto del concepimento. Per questo, non sempre è facile individuare quando inizierà il travaglio, poiché ogni travaglio è diverso e segue un percorso tutto suo. Esistono, però, dei segnali che possono aiutarvi a capire che il travaglio è vicino e che il vostro bambino sta per nascere. Tra questi segnali c’è la perdita del tappo mucoso.

Che cos’è il tappo mucoso?

Il tappo mucoso, come indica il nome, è una secrezione mucosa, viscida e gelatinosa di colore giallastro o marroncino. Il tappo mucoso viene prodotto dalle ghiandole mucose presenti nel collo dell’utero e ha il compito di chiudere il collo dell’utero e di proteggere il feto da eventuali aggressioni esterne.

Nello specifico, il tappo mucoso isola il feto e lo protegge dai batteri presenti in vagina che potrebbero causare infezioni.

La perdita del tappo mucoso

Al termine della gravidanza l’utero è ormai maturo, il travaglio si avvicina e sotto la spinta degli ormoni  inizia la dilatazione. A questo punto, il tappo mucoso si sgretola e viene espulso dalla vagina. Generalmente,  la perdita del tappo mucoso può avvenire in pieno travaglio o qualche giorno prima. Il distacco del tappo mucoso è indolore e per questo potrebbe anche passare inosservato. L’espulsione del tappo mucoso può essere accompagnata da piccole perdite di sangue a causa della rottura di capillari durante la dilatazione. In questo caso, il tappo mucoso apparirà striato di sangue. La perdita del tappo mucoso non indica che il parto è imminente: possono passare da poche ore ad una settimana.

Se vi accorgete che avete perso il tappo mucoso, mantenete la calma ed avvertite il ginecologo. Non c’è bisogno di precipitarsi in ospedale ma attendete l’evolversi degli eventi e monitorate frequenza ed intensità delle contrazioni che da li a poco inizieranno.

Articoli Correlati
YARPP
Le perdite in gravidanza

Le perdite in gravidanza

In gravidanza è piuttosto comune osservare un aumento delle secrezioni vaginali, soprattutto durante il primo trimestre di gestazione. Nella maggior parte dei casi si tratta di leucorrea che, come sappiamo, […]

Il periodo prodromico

Il periodo prodromico

Periodo prodromico è chiamato quel lasso di tempo che precede il travaglio vero e proprio e che è caratterizzato dalla comparsa di contrazioni di durata e intensità irregolare, cioè che […]

La guida della gravidanza: 39esima settimana

La guida della gravidanza: 39esima settimana

LA TRENTANOVESIMA SETTIMANA DI GRAVIDANZA Eccoci qui, ormai sei agli sgoccioli e ogni giorno potrebbe essere quello giusto, sappi che il travaglio può partire improvvisamente quando meno te lo aspetti. […]

Sei in travaglio? Ecco cosa fare

Sei in travaglio? Ecco cosa fare

Con l’avvicinarsi del termine del parto probabilmente (e anche comprensibilmente) la vostra ansia aumenterà. Anzitutto bisogna ricordare che non è possibile stilare una “tabella di marcia” universalmente valida per tutte […]

Parto indotto e pilotato, ovvero quando il bimbo tarda a nascere

Parto indotto e pilotato, ovvero quando il bimbo tarda a nascere

La gravidanza dura in media 40 settimane e un neonato viene considerato a termine se nasce tra la 38ª e la 42ª settimana di gestazione. In genere, però, alla 41ª […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento