Scuola, autorizzazione dei genitori per l’uscita degli under 14

di Fabiana Commenta

Stop all’obbligo dei genitori di andare a prendere personalmente i minori under 14 a scuola. Potrebbe presto arrivare la soluzione grazie a un emendamento al decreto fiscale all’esame di palazzo Madama che eliminerebbe l’obbligo per i genitori recarsi personalmente a scuola per prendere i figli minori di 14 anni.

uscita scuola, poesia scuola, Filastrocche sulla scuola in rima per i bambini

I genitori esercenti la responsabilità genitoriale, i tutori e i soggetti affidatari ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184, dei minori di 14 anni, in considerazione dell’età di questi ultimi, del loro grado di autonomia e dello specifico contesto, nell’ambito di un processo di loro autoresponsabilizzazione, possono autorizzare le istituzioni del sistema nazionale di istruzione a consentire l’uscita autonoma dei minori di 14 anni dai locali scolastici al termine dell’orario delle lezioni. 

Ecco la scappatoia in sostanza: i genitori si assumono la responsabilità di consentire l’uscita degli under 14 togliendo invece ogni responsabilità eventuale alla scuola: il personale scolastico viene totalmente esonerato dalla “responsabilità connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza”.

I genitori esercenti la responsabilità genitoriale e i tutori dei minori in sostanza dovranno fornire un’autorizzazione scritta e “indirizzata al dirigente preposto, l’Istituto scolastico che possa consentire l’uscita autonoma ed indipendente dei minori dai locali della scuola”.

STRESS DA RIENTRO PER I BAMBINI A SCUOLA, COME EVITARLO 

L’autorizzazione dovrà essere però confermata all’inizio di ogni anno scolastico e poi trasmessa al nuovo istituto, in caso di trasferimento.

Nonostante l’emendamento, l’Istituto scolastico però ha la possibilità di poter rifiutare l’autorizzazione e concederla a determinate e specifiche condizioni, nel caso in cui la “predetta autorizzazione sia contraria agli interessi di sicurezza ed incolumità del minore, tenuto conto della sua età e del suo grado di autonomia nonché del contesto e di ogni altra circostanza idonea a comprimere e limitare il processo di autoresponsabilizzazione del minore stesso”.

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK