La flussimetria materno fetale

 
Mildred
3 novembre 2009
3 commenti

flussimetria

La flussimetria materno-fetale, detta anche velocimetria Doppler, è una tecnica ecografica che permette di valutare lo stato di salute del feto attraverso l’analisi del flusso del sangue che lo nutre. Si basa sul cosiddetto effetto Doppler, ossia sulla variazione di frequenza che si ottiene quando un fascio di ultrasuoni (emesso in questo caso dalla sonda ecografica) incontra e viene riflesso da un corpo in movimento. In particolare, quando gli ultrasuoni attraversano un vaso sanguigno vengono riflessi dai globuli rossi e poichè questi sono appunto in movimento la frequenza del fascio di ultrasuoni di ritorno sarà diversa dalla frequenza originaria.

Proprio l’analisi di tale variazione di frequenza informa sulla velocità del flusso sanguigno e, indirettamente. sul livello di benessere e ossigenazione fetale. La flussimetria si rende necessaria, ed ha un senso, solo quando la gravidanza si presenta  a rischio, quando cioè si evidenzia un accrescimento del feto ridotto rispetto all’epoca gestazionale. Non si tratta quindi di un controllo di routine. A venir eseguite sono la flussimetria materna delle arterie uterine e la flussimetria fetale dell’arteria ombelicale e dell’arteria cerebrale media. In entrambi i casi si tratta di analisi innocue e indolore.

Flussimetria materna

La flussimetria materna serve a valutare lo stato di vascolarizzazione del lato materno della placenta e si esegue di solito fra la ventiduesima e la ventiquantressima settimana di gravidanza. In questo periodo un’alterazione della flussimetria delle arterie uterine è facilmente associata a gestosi e ritardo nella crescita fetale. La flussometria materna è consigliata alle primipare che presentano fattori di rischio per ipertensione e diabete.

Flussimetria fetale

La flussimetria fetale si esegue quando si sospetta un ritardo nella crescita fetale. La flussimetria fetale consiste nell’analisi del flusso delle arterie ombelicali e delle arterie cerebrali medie. Nei casi in cui si osserva una vasocostrizione ombelicale e una vasodilatazione cerebrale ci si trova davanti a una condizione chiamata centralizzazione del flusso per cui la placenta non è in grado di ossigenare e nutrire adeguatamente il feto.

Articoli Correlati
YARPP
Alcol in gravidanza: Giornata mondiale di sensibilizzazione sulla Sindrome Alcol Fetale e i Disturbi correlati (FASD)

Alcol in gravidanza: Giornata mondiale di sensibilizzazione sulla Sindrome Alcol Fetale e i Disturbi correlati (FASD)

  Ricorre oggi, venerdi 9 settembre, la Giornata mondiale di sensibilizzazione sulla Sindrome Alcol Fetale e i Disturbi correlati (FASD). Si tratta di una giornata molto importante che mira a […]

La cardiotocografia

La cardiotocografia

Cos’è la cardiotocografia? La cardiotocografia (CTG) o analisi della frequenza cardiaca fetale è un esame che si esegue nel corso del terzo trimestre di gravidanza. E’ un’analisi attualmente diffusa a […]

I feti femminili resistono maggiormente allo stress materno in gravidanza

I feti femminili resistono maggiormente allo stress materno in gravidanza

A volte a noi donne dicono che siamo troppo forti, cocciute e determinate, ma nessuno ci aveva mai detto che questi nostri piccoli difetti nascerebbero direttamente nel pancione e che […]

L’ecocardiografia fetale, quando è necessaria

L’ecocardiografia fetale, quando è necessaria

Durante la gravidanza ci sono alcuni esami da eseguire per monitorare il feto che non sono di routine ma che vengono prescritti nel caso in cui ci siano delle particolari […]

Il monitoraggio fetale

Il monitoraggio fetale

Sei quasi arrivata al termine della gravidanza e il ginecologo ti ha prescritto una serie di monitoraggi da eseguire ogni sette giorni a partire dalla 36esima settimana. Il monitoraggio è […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1hogas gabriela

    sn alla trentunesima setittimana e ho fatto la flussimetria fetale la bambina sta bene laccrescimento e strutturale ponderale che si colloca nei valori superiori per tale epoca cioe pesa 1 700gsolo ke si e rilevato un aumento delle resistenze in arteria ombelicale.la misura o il valore dellarteria ombelicale e di 1.1 invece di o.8 o o.9 pero la dott.sa ha detto ke tante volte i bimbi si metono sul cordone e lo schiaciano e ke comunque sta cosa deve essere tenuta sotto controlo!voi ke cosa ne pensate???

    31 lug 2011, 11:39 Rispondi|Quota
  • #2alexandra

    salve devo fare la flussimetria il 21 dicembre e sono alla 30 esima settimana,nella morfologica il peso era di 430 grammi femmina.tutto nella norma è la mia domanda?

    7 dic 2011, 19:32 Rispondi|Quota
    • #3Teren

      I recently swehctid, too. It’s been an adjustment and I still don’t necessarily accept the high price tag, but I am actually starting to prefer my Macbook Pro over my PC. It’s way better for anything audio/visual!

      21 dic 2012, 13:45 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. La guida della gravidanza: 30esima settimana - Tutto Mamma