Il colesterolo in gravidanza

 
Chiara R
9 novembre 2011
Commenta

In gravidanza, per tenere sotto controllo la salute della mamma e del bambino, vengono prescritti con una certa frequenza esami del sangue e delle urine. Può accadere, durante uno di questi controlli di routine, di scoprire un tasso elevato di colesterolo (colesterolemia) con non poca sorpresa e preoccupazione nella futura mamma. In realtà, un aumento dei livelli di colesterolo durante tutta la gestazione è del tutto normale e fisiologico. Il colesterolo, infatti, è un grasso molto importante per l’organismo, fondamentale per la formazione delle cellule e la produzione di energia.

In gravidanza, il colesterolo è indispensabile per la salute della futura mamma e del feto. Quest’ultimo, infatti, utilizza il colesterolo per un corretto sviluppo delle membrane cellulari soprattutto a livello nervoso.

Durante la gestazione, i valori tipici del colesterolo totale nel sangue sono compresi tra i 200 e i 335 mg/dl contro i 120-200 mg/dl in condizioni “normali”. Il tasso di colesterolo nel sangue tende ad aumentare leggermente nelle prime settimane di gravidanza, incrementando ulteriormente a partire dal quarto mese fino a raggiungere l’apice nell’ottavo mese. L’ipercolesterolemia in gravidanza che sembra essere dovuta all’aumento degli estrogeni e ad una resistenza insulinica, tende a ristabilirsi dopo circa 4-6 settimane dopo il parto.

Come tenerlo sotto controllo

Ecco alcuni consigli utili per tenere sotto controllo il colesterolo durante tutta la gravidanza:

  • seguire una dieta sana ed equilibrata: un’alimentazione ricca di frutta, verdura, grassi salutari e fibre aiuta l’organismo a tenere a bada il colesterolo;
  • bere molta acqua: è importante rimanere sempre ben idratate evitando bevande zuccherate, gassate e ricche di caffeina;
  • fare esercizio fisico: una regolare ed adeguata attività fisica durante i nove mesi di attesa, aiuta a mantenere nei giusti limiti il tasso di colesterolo nel sangue.

Se i livelli di colesterolo nel sangue subiscono un brusco innalzamento, oltre i valori tipici della gravidanza, il ginecologo valuterà la giusta terapia da intraprendere.

Articoli Correlati
YARPP
Da Apple arriva iMamma, l’applicazione per gestire la gravidanza

Da Apple arriva iMamma, l’applicazione per gestire la gravidanza

Dal mondo Apple, arriva una nuova applicazione per iPhone rivolta alle donne in dolce attesa, per accompagnarle nella grande avventura che è la gravidanza: si chiama iMamma e dal 25  […]

Misurare il colesterolo ai bambini. Non è mai troppo presto per cominciare?

Misurare il colesterolo ai bambini. Non è mai troppo presto per cominciare?

Prendersi cura della propria salute è un dovere al quale nessuno dovrebbe potersi sottrarre e non è mai troppo presto per cominciare. Certo i bambini non possono farlo da soli, […]

Colesterolo buono più basso nei bambini nati da mamme fumatrici

Colesterolo buono più basso nei bambini nati da mamme fumatrici

Fumare fa male, ancora di più quando si aspetta un bambino. Questo forse è uno dei quei concetti ben noti alle mamme, eppure sono tantissime le signore che non perdono […]

Esami per il colesterolo, attenzione al ciclo mestruale

Esami per il colesterolo, attenzione al ciclo mestruale

Le donne in età fertile devono fare attenzione al momento in cui scelgono di fare i prelievi del sangue. I valori del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue, infatti, possono […]

Come cambia la pressione sanguigna in gravidanza

Come cambia la pressione sanguigna in gravidanza

La pressione sanguigna è il rapporto tra la forza con cui il cuore spinge il sangue all’interno dei vasi sanguigni e la resistenza che le pareti dei vasi stessi esercitano […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento