Tumore al seno in gravidanza: si può curare portando a termine la gestazione

di Mariposa 1

Il tumore al seno spaventa un po’ tutte le donne: c’è il timore di una malattia molta aggressiva e la paura di essere attaccati proprio in quello che è un simbolo di femminilità. Forse però la cosa più brutta per una mamma è sapere di essere malati proprio durante la gravidanza. Per fortuna la medicina continua a fare passi in avanti e quella che vi riporto oggi è un’ottima notizia.

Le donne malate di tumore al seno possono curarsi durante la gravidanza seguendo la chemioterapia o sottoponendosi a intervento chirurgico, senza mettere in pericolo il bambino, ma anzi facendo in modo di portare la gravidanza a termine, evitando il parto prematuro. Ovviamente, questo tipo di terapia si consiglia dopo il secondo-terzo trimestre. E assolutamente va evitate la radioterapia. Questo è quello che riporta lo studio pubblicato sulla rivista specializzata The Lancet.

Come sempre la diagnosi tempestiva è la cura migliore: prendere in tempo la malattia vuol dire assicurare alla donna un futuro sereno e sano, soprattutto. Mi raccomando quindi, care amiche, di controllarvi sempre con l’autopalpazione (un momento ideale è durante la doccia) e fare dei controlli periodici dal ginecologo e dopo i 40 anni la mammografia. Frederic Amant, medico del Breast Cancer Center al Leuven Cancer Institute della Katholieke Universiteit Leuven in Belgio, ha dichiarato:

La diagnosi è tendenzialmente causata dal fatto che i normali cambiamenti fisiologici della gestazione, come l’aumento di dimensione di seni e capezzoli, possono oscurare i sintomi del tumore al seno agli occhi della donna e persino del suo medico. Infatti, secondo i dati raccolti dalla nostra ricerca, la malattia in gravidanza è solitamente diagnosticata più tardi.

È bene quindi durante la gestazione fare attenzione anche a questi eventuali problemi. La gioia di attendere un bambino non deve offuscare la nostra percezione del corpo. Lo so che stiamo trattando un tema delicato, ma prendersi cura prima di tutto della propria salute è un atto d’amore verso il cucciolo che sta per arrivare o che già c’è. Mi ha molto colpita una raccomandazione del medico: secondo l’esperto le donne devono capire che è più rischioso portare a termine la gravidanza senza intervenire, che seguendo le nuove terapie.

 

Photo Credits|ThinkStock