San Patrizio, le leggende per i bambini – parte seconda

di Fabiana Commenta

Il 17 marzo, si festeggia in tutto il mondo San Patrizio, patrono d’Irlanda, con i santi Columba e Brigida, che evangelizzò le isole britanniche e morì nel 461: San Patrizio cercò di conciliare la religione celtica insieme alle religione cristiana.

 

san patrizio, pozzo di san patrizio, leggende Vediamo alcune delle leggende legate alla figura di San Patrizio e che possono essere raccontate anche ai bambini. 

Il trifoglio e la trinità

Secondo la leggenda il trifoglio è diventato il simbolo dell’Irlanda perché proprio grazie al trifoglio, San patrizio riuscì a spiegare ai celti il concetto della trinità. Cominciò a sfogliare i petali di un trifoglio e da quel momento in poi la foglia divenne il simbolo della nazione.

Il pozzo di S. Patrizio

Il celebre Pozzo di San Patrizio era affidato alla custodia di Patrizio: si dice che fosse un pozzo senza fondo e che era stato Cristo a indicargli la caverna per far vincere l’incredulità dei fedeli sulle pene dell’aldilà. 

Chi fosse fosse riuscito a raggiungerne il fondo, dopo aver superato molte prove, avrebbe ottenuto la remissione dei peccati, l’accesso al Purgatorio e avrebbe intravisto il Paradiso. La grotta, che si trovava sull’isolotto del Lough Derg, fu successivamente murata per volere di papa Alessandro VI nel 1497. Ma la leggenda racconta che un pozzo di San Patrizio si trovi anche a Orvieto.

 

Il biancospino

Secondo la leggenda, Patrizio, fuggito dalla schiavitù, si diresse in Francia e per attraversare la Loira usò il suo mantello come zattera. Arrivato sulla riva opposta,  appese il suo soprabito a un cespuglio di biancospino ad asciugare e la pianta cominciò miracolosamente a fiorire: è da allora che il biancospino fiorisce d’inverno.

photo credits | instagram