Bambini a rischio allergia se la mamma mangia noccioline in gravidanza?

di Redazione 1

Mangiare arachidi in gravidanza espone i piccoli al rischio di future allergie? Sembrerebbe di si, anche se i risultati dello studio che ha condotto a questa scoperta devono ancora essere confermati come afferma il suo stesso autore: Scott Sicherer, pediatra al Food Allergy Institute del Mount Sinai Hospital di New York:

I dati che ho raccolto vanno confermati, le noccioline per ora non devono essere vietate alle donne in gravidanza

In ogni caso, le conclusioni di  Sicherer, pubblicate sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, si fondano sull’osservazione di un campione di 503 bambini di età compresa fra i tre  e i quindici mesi, alcuni con sospette allergie al latte e all’uovo, altri invece risultati positivi ai test allergici a questi alimenti. Condizioni, entrambe, associate comunemente allo sviluppo di un’allergia alle noccioline americane.

Da test allergici successivi infatti è emerso che 140 bambini  risultavano positivi e con una forte sensibilità alle noccioline e, qui arriva la notizia, che la gran parte di questi avevano una mamma che aveva mangiato arachidi in gravidanza.

Aspettate però a buttare il pacchetto di noccioline che stavate sgranocchiando, sembra infatti che questa abitudine si riveli nociva solo per quei bambini per i quali esiste una familiarità per le allergie e che quindi hanno più probabilità di diventare allergici rispetto a quelli che non alcun parente prossimo nelle medesime condizioni.

D’altra parte, spiega lo stesso Sicherer:

L’allergia alle arachidi è seria, di solito non scompare e in alcuni casi può essere perfino fatale. Sembra peraltro in continuo aumento, per cui ulteriori ricerche sono necessarie per capire come ridurne il rischio. Se i nostri dati saranno confermati, avremmo trovato un buon metodo per diminuire la probabilità di allergia nei bambini a rischio. Però servono altri studi: noi infatti abbiamo raccolto i dati chiedendo alle madri di riferire il loro consumo di noccioline in gravidanza, perciò potrebbero esserci errori dovuti alla difficoltà di ricordare l’effettivo comportamento alimentare. Inoltre, i dati dimostrano un maggior rischio di positività ai test allergici che potrebbe non essere automaticamente segno di allergia di grado severo. Per ora, quindi, non ci sono informazioni sufficienti per raccomandare alle future mamme con familiarità per allergie di evitare le noccioline in gravidanza, anche se i dati sembrano accumularsi in questa direzione e un po’ di prudenza sarebbe consigliabile.