Neonati abbandonati nel 2011, 41 solo a Roma

di Chiara R 2

Il 2012 è iniziato ormai da più di una settimana e come di consueto è tempo di stilare bilanci sull’anno appena terminato. Fare bilanci, però, non è sempre una buona idea perchè spesso si rivelano negativi. E’ il caso, ad esempio, degli abbandoni di neonati in strutture ospedaliere. Il 2011, infatti, è stato un anno tremendo per quanto riguarda i neonati abbandonati nel nostro paese. Basti pensare che solo nella regione Lazio i casi di abbandono sono stati circa 60 nel 2011. Situazione simile in tutte le altre regione italiane dove la triste pratica dell’abbandono è, purtroppo, in aumento.

Una delle città a detenere il record di bambini abbandonati è Roma dove solo nel 2011 si sono registrati 41 casi. Ad affermarlo è Piermichele Paolillo, direttore dell’Unità operativa di neonatologia del Policlinico capitolino Casilino. Dall’analisi dei dati raccolti dal professore, è emerso che alla base dell’abbandono di neonati ci sono quasi sempre problemi di carattere economico e sociale e che dietro questa triste pratica si nascondono donne per lo più straniere che soffrono.

Sono infatti -conferma il direttore Paolillo – soprattutto le mamme di origine extracomunitaria a abbandonare in maniera regolare il piccolo. Spesso giovanissime e a volte vittime di abusi. Ma anche desiderose di assicurare al figlio un futuro diverso da quello che potrebbe aprirsi rimanendo accanto a loro. La legge italiana – spiega l’esperto – consente alla donna di partorire in segretezza e non riconoscere il piccolo. E le autorita’ – conclude – non possono fare ricerche sull’identita’ e ne dichiarano lo stato di abbandono e la possibilita’ di un’adozione.

Se nel centro-nord del nostro Paese sono soprattutto donne straniere ad abbandonare i neonati, nelle regioni del Sud la pratica è molto diffusa anche tra le madri italiane. Si tratta, per lo più, di giovani donne, ragazze madri che sono spesso sole o non hanno i mezzi per crescere un figlio.

Purtroppo, però, gli abbandoni di neonati negli ospedali rappresentano solo una piccola parte di un fenomeno molto più esteso e spesso sconosciuto. Sono numerosi, infatti, i neonati che ogni anno vengono abbandonati chissà dove e destinati ad una triste fine.

 

Via | Adnkronos Salute

Photo Credits| ThinkStock