My Angel Care, il braccialetto che tiene sotto controllo la salute del bambino

di Redazione Commenta

Apparentemente si mostra come un braccialetto da polso in silicone e water resistant ma è molto di più. E’ in arrivo “My Angel Care” un dispositivo contenente un tag NFC (Near Field Communication) che permette di tenere sotto controllo la salute e non solo dei propri figli anche a distanza, ricevendo le relative informazioni su smartphone e tablet. Un oggetto che renderà sicuramente la vita più facile a quei genitori ansiosi permettendo loro di stare tranquilli in occasione di gite ed ogni qualvolta il bambino si trovi a distanza.

My Angel Care, il braccialetto che tiene sotto controllo la salute del bambino

 

My Angel Care permette il monitoraggio di diversi parametri. Innanzitutto fornisce indicazioni relative al gruppo sanguigno, agli eventuali farmaci da assumere con le relative scadenze, alle intolleranze alimentari, se presenti, ed ancora le indicazioni relative a celiachia ed altre problematiche, alle diete particolari oltre che i recapiti dei familiari da contattare in caso di emergenze.

Il braccialetto è semplicissimo da utilizzare. Dopo avere caricato tutte le informazioni sul Cloud “My Angel”non dovrete fare altro che fare indossare il braccialetto al bambino e qualora si verifichi la necessità, avvicinare il braccialetto ad un dispositivo quale un cellulare smartphone o un tablet. Attualmente pensato per i bambini, tale progetto, che dovrebbe essere introdotto in commercio nell’estate del 2015, potrebbe essere declinato anche per altre tipologie di soggetti, come gli anziani, ad esempio.

Il braccialetto sarà disponibile in diversi colori e texture per risultare accattivante e di moda oltre utile. Ad esso saranno legate diverse funzioni come “direct call” grazie alla quale mettersi in contatto con i familiari pur non possedenso un telefono con tecnologia NFC, “self help” che permette di effettuare una chiamata pre-registrata in caso di necessità semplicemente avvicinando il telefono al bracciale e “drug alarm” una sorta di sveglia/promemoria utile nel ricordare il momento di assumere un determinato farmaco.

Photo Credit | Thinkstock