I morsi uterini durante il puerperio

di Redazione Commenta

puerperio

Il puerperio è il periodo che inizia dopo l’espulsione della placenta e che finisce dopo circa 4 o 6 settimane, durante il quale l’apparato genitale femminile riprende le sue normali funzioni; questa fase è accompagnata da alcuni disturbi, tra i quali il più conosciuto è il baby blues, ovvero la depressione post-parto.

Un malessere piuttosto comune durante il puerperio è dato dai morsi uterini, ovvero dei dolori simili ai crampi all’utero, spesso molto intensi, che si verificano perché l’utero, dopo la nascita del bambino inizia a contrarsi per ritornare alle dimensioni che aveva prima della gravidanza, dando vita a un processo che si chiama involuzione uterina.

I morsi uterini, in genere, sono più forti durante le poppate perché la suzione del capezzolo stimola la produzione dell’ossitocina, l’ormone che causa le contrazioni; nonostante il dolore, il metodo migliore per far cessare i crampi è proprio continuare ad allattare in modo da far tornare l’utero come prima nel minor tempo possibile. L’utero ritorna alle sue dimensioni normali dopo circa 6 settimane, periodo dopo il quale finiscono anche i morsi uterini.