Mal di testa in età pediatrica, il placebo è efficace come i farmaci

di Redazione Commenta

emicranea nel bambino

Il mal di testa in età pediatrica è un malessere più diffuso di quanto si creda. Riguarda soprattutto i bambini in età scolare, il 25 per cento dei quali lamenta almeno un episodio durante l’anno. Esattamente come avviene per gli adulti, anche per i bambini può trattarsi di cefale primaria, dovuta cioè a una predisposizione e cefalea secondaria, causata cioè da patologie di varia natura (sinusite, raffreddore, faringite, influenza ecc ecc).

Se gli episodi si ripetono è bene avvisare il pediatra che dopo aver fatto una diagnosi adeguata prescriverà la terapia necessaria. Nella maggioranza dei casi la cefalea nel bambino è primaria. Le cefalee primarie più comuni nel bambino sono l’emicrania, la cefale tensiva e la cefalea a grappolo. L’emicrania è di gran lunga la più frequente ed è dovuta a una predisposizione innata. Può manifestarsi nel bambino piccolo nel cui caso a predominare sono sintomi quali il vomito ciclico, le vertigini parossistiche, dolori ricorrenti alla pancia e alle gambe.

Segue la cefalea tensiva, spesso accompagnata a nausea, che interessa soprattutto gli adolescenti. Più rara in età pediatrica la cefalea a grappolo che si manifesta con maggiore intensità e in associazione a disturbi come nausea, vomito, fastidio per la luce. Attualmente non esistono farmaci pediatrici per la cura del mal di testa nel bambino e spesso vengono impiegati, dietro strettissimo controllo medico, i farmaci per adulti.

Una ricerca condotta presso la Cleveland Clinic e pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Pediatrics ne ha però ridimensionato il ruolo rilevando che spesso anche un semplice placebo, una sostanza del tutto innocua o irrilevante per la cura del sintomo che però viene presentata come farmaco a chi deve assumerla, produce lo stesso effetto.

In particolare, solo tre farmaci per adulti destinati alla cura del mal di testa si sono rivelati più efficaci del placebo nel risolvere i sintomi nel  bambino, mentre sembrà che uno stato d’animo sereno e le coccole siano indispensabili.

[Fonte]